27 Maggio 2020

SULPEZZO.it
interviste musica

Rime, progetti e tanta musica. Intervista al rapper Shark

 Il rapper Shark torna con “Delle volte” https://www.facebook.com/SharkEmcee1/videos/10154161822583358/

shark2

A distanza di un anno dal brano “Non ho bisogno” arrivato tra i sessanta finalisti dello scorso Sanremo Giovani, il rapper sannita Shark Emcee è cresciuto e ritorna con il nuovo singolo “Delle volte”. Il brano è prodotto dalla Jesce Sole, l’etichetta napoletana indipendente che  scommette sui giovani talenti di Napoli e della Campania.

“Delle volte” è un brano che dimostra una maturità e una consapevolezza diversa sulla visione delle cose. “La vita non è sempre come la immaginiamo – afferma Shark – a volte ti mette alla prova con eventi a cui non eri preparato, ma l’importante è affrontare ogni situazione o cambiamento con intelligenza e grinta trovando sempre la forza di reagire”.

Shark quindi cambia punto di vista, adotta un atteggiamento positivo che non lascia spazio alla polemica o al piangersi addosso ma che guarda al futuro con gli occhi vincenti senza abbandonare il piglio sannita che caratterizza il suo stile.

Il rapper beneventano è sempre in bilico tra i nuovi linguaggi del rap e le radici che tiene ben salde nel territorio d’origine e che gli conferiscono quella caparbietà tipica dei popoli sanniti. Il brano, arrangiato e prodotto da Carmine De Rosa, beneficia di un videoclip firmato da Totore Nilo che sceglie immagini essenziali, senza fronzoli in modo da permettere di andare al succo del messaggio del brano, concentrandosi sul rapper e sulla sua musica. https://www.facebook.com/SharkEmcee1/videos/10154161822583358/

Ecco l’intervista con il rapper

Il nome shark richiama alla mente aggressività e grinta, tu riesci ad esprimere concetti senza essere aggressivo, anzi in questo ultimo lavoro smorzi i toni e diventi più maturo. Lo squalo sta crescendo?
Il mio nome d’arte è ispirato soprattutto alla mia attività di freestyler.Nelle sfide d’improvvisazione rap mi piace attaccare l’avversario con battute taglienti ed è lì che il nome “Shark” assume un significato preciso.Nei singoli usciti ad oggi, invece mi sono dimostrato tutt’altro che aggressivo, preferendo sempre un atteggiamento solare e divertente ( Fattell’ ‘na risat’ e Cumm vèn vèn ne sono esempi lampanti) e cercando di dare messaggi positivi con testi più leggeri rispetto a “Delle volte”. Quando Carmine De Rosa mi ha presentato questo beat,mi è venuto naturale scrivere un testo più intimo rispetto ai precedenti su sonorità più solari. Per me il beat è fondamentale, ed in base ad esso sviluppo i miei testi che possono spaziare da uno stile all’altro.
Ad un anno dalle selezioni di Sanremo giovani, torni con un altro singolo. Cosa è accaduto a Shark in questo anno dal punto di vista professionale?
Sostanzialmente quello che è successo da quando ho intrapreso la mia carriera ad oggi: ho continuato a divertirmi e  sfogarmi con le rime.Nonostante non siano usciti singoli ufficiali,infatti,la mia attività non si è arrestata ma è continuata con brani in cui sono stato chiamato a fare da featuring contornata da esibizioni live spesso con i Sancto Ianne,gruppo folk cantautoriale con cui collaboro da qualche anno con un connubio folk/rap, ed anche in qualità di open act di “big” della scena.
Shark e la sua terra. Quanta energia riesci a trarre dal territorio in cui vivi?
Provenire da una piccola città come Benevento è sicuramente un’arma a doppio taglio per un artista,ancor di più per un rapper,da sempre figura legata a realtà metropolitane.
Tra gli aspetti favorevoli del provenire da una piccola cittadina come la mia però c’è quello di essere un po’ isolati dal resto della scena e lavorare ai propri progetti con una tranquillità maggiore rispetto a colleghi legati a meccaniche diverse.Oltre a questo c’è da dire che in città la cultura dell’ascolto non è molto diffusa,così come il supporto molto spesso è frenato da una mentalità provinciale.Io ne ho fatto il mio punto di forza,nel senso che ho usato questo limite per testare le mie capacità: riuscire a fare presa sui miei concittadini è dura,ma se riesco a convincere loro allora significa che sono sulla strada giusta.
Tour, concorsi, questo nuovo singolo. Raccontaci un po’ di novità e qualche sogno nel cassetto.
Oltre all’uscita del singolo “Delle volte” in questi giorni è arrivata un’altra bella soddisfazione: con il brano “Guardame,sienteme” in collaborazione con i Sancto Ianne siamo riusciti a guadagnare la seconda posizione (su 275 partecipanti) del prestigioso premio “Musica contro le mafie”,per cui il 17 Dicembre ci esibiremo alla finalissima di Cosenza.Sempre a Dicembre verrà pubblicato un libro dal titolo “Core e lengua” in cui i fotografi Gaetano Massa e Pino Miraglia hanno raccolto i ritratti fotografici di molti rappers italiani ed è presente anche un mio scatto.Ad inizio 2017 inoltre sarà fuori la mia prima collaborazione  con un’artista dell’America Latina.Sono stato invitato dall’artista brasiliana Dz,rapper da centinaia di migliaia followers in Brasile,ad una collaborazione sul suo nuovo disco in uscita.Per quanto riguarda il sogno nel cassetto,senza dubbio è l’esordio ufficiale con il primo album da solista,sogno che spero possa concretizzarsi in questo 2017.

 

Related posts

Concerti d’Autunno della Nuova Scarlatti

redazione

Un videoclip a breve per gli ASINI VOLANTI di Luca Bonaffini

ARTICOLARTE

L’Etiope è in arrivo con “Tutti i successi”

Annita Corsato

Lascia un commento