21 Gennaio 2022

SULPEZZO.it
cronaca

Vesuvio, vendesi foto del vulcano per 8 milioni di euro

Il Vesuvio, vulcano che da anni affascina e intimorisce i partenopei, è oggetto di un fatto assai curioso: sul portale Ebay è apparso l’annuncio di una foto in vendita per ben 8 milioni di euro

napoli-con-arcobalenoIl fotografo Giovanni Scotti, autore dello scatto, spiega sul portale di vendite la dinamica che ha ispirato la sua foto: un arcobaleno incantevole che circoscrive il vulcano, e ne rende la visione più strabiliante di quanto non lo sia già. La foto regala una rappresentazione panoramica stereotipata di Napoli, ma arricchita da un particolare emozionante.

La foto è stata scattata, secondo quanto riportato sul sito di EBAY, lo scorso venerdì 20 maggio, tra le ore 16 e le 17. L’istantanea, oltre ad essere molto preziosa, data la cifra utile per acquistarla, è assolutamente vera. Come precisa lo stesso Scotti, non è opera di un abile fotomontaggio. Il fotografo, inoltre, racconta che si tratta di uno scatto unico, un’immagine che si è concretizzata solo per qualche attimo.

La scena è stata immortalata con una Pentax 67. All’interno dell’annuncio è riportata l’immagine in negativo, ma in ottime condizioni, ed è specificato che la foto è stata elaborata da uno dei migliori laboratori fotografici di Milano.

La notizia, apparsa già sul sito di Repubblica Napoli a firma di Paolo De Luca, e sul giornale britannico Daily Mail a firma di Jennifer Newton, sta già facendo il giro del web.

Giovanni Scotti, fotografo partenopeo classe 1978, già disegnatore e pittore di solida preparazione, nonché musicista, da tempo ha scelto di dedicarsi in maniera attenta alla fotografia, e attualmente vive e lavora tra Napoli e Milano.

Ha partecipato ad alcune residenze artistiche in Italia e all’estero, tra cui ARI 1, presso l’Accademia di Belle Arti e Design Università di Lubiana, e la residenza del Mountain Photo Festival.

Il suo lavoro ruota attorno al tema della percezione fotografica della realtà, ed è il frutto di una profonda riflessione sui concetti di tempo e spazio. Scotti ha inoltre esposto i suoi lavori anche presso il PAN di Napoli e al complesso del Vittoriano di Roma.

 

Related posts

MERITOCRAZIA ITALIA: “LO SPORT AMATORIALE NON VA FERMATO, MA POTENZIATO”

Redazione

L’iniziativa solidale per la spesa a domicilio ai tempi del Covid: nasce a Napoli TiSpeso.it

Redazione

“Le intercettazioni telefoniche rappresentano un vulnus della vita sociale essendo svilito il loro importante ruolo all’interno della fase di indagini per lasciare posto ad una spettacolarizzazione giornalistica ed una modalità di attacco del ‘nemico’ politico o di chi ricopre ruoli istituzionali. Non c’è nessuna figura che sfugge alla ‘tagliola’ delle intercettazioni, ancor di più nell’era del Trojan Virus, gli stessi magistrati non ne sono esenti”. Lo afferma Walter Mauriello, presidente di Meritocrazia Italia, rappresentando la posizione garantista dell’associazione a tutela del merito. “Le intercettazioni non possono rappresentare una lotta tra poteri dello Stato ma solo la ricerca del miglior contemperamento tra legittime ed indispensabili esigenze di indagini e la tutela della persona, nei suoi diritti fondamentali. Ad esempio è necessario pubblicare le intercettazioni telefoniche senza considerare che il processo non è ancora iniziato e che dietro la persona ci sono rapporti famigliari, minori e attività lavorativa? È normale condannare il soggetto indagato in maniera pubblica senza avere più interesse al processo, che è l’anima della verità sostanziale? Sembra di rilevare l’ovvio ribadendo che la difesa è diritto inviolabile in ogni fase e grado del procedimento. E che ogni violazione del principio mette in forse l’essenza stessa dello Stato di diritto. Lo racconta la Carta costituzionale. Lo confermano i Codici di rito”. Eppure, secondo Mauriello, le vicende di cronaca consegnano “una realtà non sempre coerente con un quadro valoriale e normativo inequivoco. Il reiterato oltraggio alle garanzie processuali si fa sintomo di una grave deriva nell’amministrazione della Giustizia, con conseguente gravissimo allarme sociale. Non isolati, i recenti fatti di Genova mostrano l’ennesima violazione della riservatezza del colloquio tra difensore e assistito, oggetto di intercettazione, trascrizione e utilizzo da parte della Procura della Repubblica senza adeguata giustificazione”. “Nonostante il chiarissimo impianto normativo – continua Mauriello – le forme d’indagine oggi adottate dalla Procura di Genova continuano a colorare le prime pagine dei quotidiani. In continuità con il dettaglio tecnico delle proposte formulate con il ‘nuovo Progetto Italia’, Meritocrazia Italia oppone fermo biasimo alla condotta attuata e invoca assoluto rigore nel rispetto delle garanzie processuali e, in particolare, delle disposizioni che sovraintendono all’utilizzo dello strumento delle intercettazioni. Auspica altresì l’introduzione di norme che vietino agli inquirenti, oltre alle intercettazioni telefoniche e/o ambientali relative a conversazioni o comunicazioni riservate tra difensori e con le persone assistite, la trascrizione dell’esito delle stesse nei provvedimenti giudiziari, affinché non residui spazio alcuno ad elusioni, ancorché frutto di (comunque ingiustificabili) errori, in violazione dei principi posti a presidio dei diritti superiori dell’Uomo”. Meritocrazia Italia auspica provvedimenti legislativi che disciplinino in maniera rigorosa: La pubblicazione delle intercettazioni da disporre con provvedimento dello stesso GIP, che ne deve stabilire i criteri e limitazioni; Come svolgere la conferenza stampa della Procura della Repubblica; La modalità di informare i cittadini obbligando a dare medesima evidenza sia alla misura cautelare che alla evoluzione processuale.

Redazione

Lascia un commento