29 Novembre 2022

SULPEZZO.it
cultura

In scena sulla zattera: il Teatro Alla Deriva alle Stufe Di Nerone

Si è conclusa domenica 19 luglio, la IV edizione di Teatro alla Deriva, l’innovativa rassegna teatrale, sulla zattera, che ha animato il giardino delle Terme Stufe di Nerone, per quattro domeniche consecutive. Una manifestazione unica in Italia, divenuta ormai un appuntamento estivo fisso, il cui valore è stato riconosciuto nel 2013 dal Premio Antonio Landieri come Miglior Rassegna Teatrale. La particolarità di Teatro alla Deriva risiede nel fatto che gli spettacoli vengono rappresentati su di una zattera galleggiante, costruita appositamente e posizionata all’interno del lago termale delle Stufe di Nerone.

 

ImproTeatroFestival Un teatro flottant, quindi, dove gli attori  devono sfruttare al massimo lo spazio  scenico, e la propria capacità mimica,  prestando attenzione a non perdere né il  filo né l’equilibrio. Un teatro instabile,  dove la surreale cornice fornita dalla location ha reso il tutto ancor più poetico, sospesa così tra fuoco, acqua e cielo, l’arte ha qualcosa di ancor più arcaico e rituale. Un teatro fatto per sottrazione, talvolta estrema, ed arricchito di tutto il simbolismo e la percezione        cre-attiva che una buona                                                                                                                rappresentazione teatrale deve stimolare.

La rassegna, nata da un’idea di Ernesto Colutta con il contributo del drammaturgo e regista Giovanni Meola, che per il terzo anno ne è anche direttore artistico, ha presentato tre compagnie emergenti, ma già affermate, alle prese con drammaturgie originali o riscritture di classici del passato. Prima della drammaturgia, ad aprire la rassegna, una serata dedicata all’improvvisazione, spiazzante, sorprendente, spesso in equilibrio instabile su un filo di complicità con il pubblico che più o meno intenzionalmente, ha determinato il flusso creativo on stage.

ImproTeatroFestivalLa deriva delle storie: i battenti sono stati aperti il 28 giugno, con la tappa dell’ImproTeatroFestival che ha presentato “Harold” di Coffee Brecht, uno dei format di un particolare tipo di spettacolarizzazione, l’improvvisazione teatrale, in cui una parola o una frase suggerita dal pubblico mettono in moto un intreccio di diversi plot e situazioni. Una forma “diversa” di stare in scena utilizzando diversi linguaggi teatrali, dal canto all’espressione corporea, per disegnare anche l’invisibile scenografia, saltando da una situazione all’altra, dalla tragedia alla commedia, dal nonsense all’iperrealismo. Soffio è stata la parola chiave delle cinque storie interpretate da Alessandro Cassoni, Susanna Cantelmo, Eugenio Galli, Daniele Marcori, Giorgio Rosa, Chiara Vitti.

Ferdinando VIII

A volte bisogna cercare l’impossibile, affinché esso sia il motore per il superamento dei nostri limiti: il 05 luglio è stata la volta della Compagnia del Futuro e di Teen Theatre che hanno rappresentato “Ultimo Primo Giorno Di Re Ferdinando VIII” di e con Cristian Izzo, e Anna Bocchino, per la regia Ettore Nigro. Una piece in chiave moderna, ispirata a “Le memorie di un pazzo” del drammaturgo russo Nikolaj Vasil’evič Gogol’.

 

Ferdinando VIII L’incoronazione di un re che vuole salvare  una luna  fragile, di cartapesta, minacciata  dall’imminente  schiacciamento della  Terra, in un domani sempre  rimandato, i  irraggiungibile, in un tempo eterno che  scorre ma non passa mai. Il dramma  dell’abbandono dei  malati di mente, la  malattia dei sani, spinti verso l’oblio e  la  disumanizzazione da una routine spersonalizzante, con  toni che ondeggiano dall’ilarità al dramma, per  comprendere che la “cura” dell’altro è anzitutto cura per noi stessi.

 

Piccole Donne Non  avere paura delle tempeste perché s’impara come governare la propria barca: il 12 luglio,  Teatro Rostocco ha portato in scena “Piccole Donne” un grande classico, adattato e rivisitato da Ferdinando Smaldone che ne ha curato anche la regia. Le quattro sorelle March affrontano a testa alta ogni sfida, nonostante le difficoltà della vita, trasformandosi così, sotto gli amorevoli occhi della madre, da ragazzine in piccole donne caparbie e volitive. Paola Guarriello, Noemi Pirone, Chiara Mattiacci, Maria Anna Russo, Chiara Vitiello, e le giovanissime Francesca Caprio, Chiara De Cicco, Valeria Di Capua, hanno rappresentato la storia vintage delle sorelle March con una sensibilità che le ha rese nostre contemporanee.

 

3 Magnifici Scapoli La verità, semiseria, e vi prego,  sull’amore: ultimo  appuntamento per il  Teatro sulla zattera, il 19 luglio con  Teatro a Cunzumè e tutta l’irriverenza  di “Tre  Magnifici Scapoli” di Claudio  Buono per la regia di  Giovanni  Merano. Tre uomini imperfetti per tre  donne,  le sorelle Weddingspreen,  costrette a condividere tutta  una vita in perfetto sincronismo. Una storia di  appuntamenti al buio, sicuramente sui generis, per un plot  incentrato sulle fobie e le convinzioni anglosassoni, e non solo, ad altissimo tasso ironico. Francesco Saverio Esposito, Paolo Gentile, Grazie Lecce, Carlo Liccardo, Serena Pisa, Shanti Tammaro, sono gli interpreti di questo dissacrante spettacolo in cui l’amore si configura come il mero pretesto per giustificare le nostre nevrosi e follie, magari condividendole con l’altra metà, altrettanto folle, della mela.

L’appuntamento con Teatro alla Deriva è quindi per l’anno prossimo, in attesa di ridere, sognare, piangere e pensare, au bord della zattera più salvifica che c’è.

3 Magnifici Scapoli

 

Terme-Stufe di Nerone

dal 28 Giugno al 19 Luglio 2015

(via Stufe di Nerone n. 37, Bacoli – NA)

direttore artistico| Giovanni Meola

ideazione| Ernesto Colutta

organizzazione| Beatrice Baino (Crasc Compagnia Teatrale)

info| infoteatroalladeriva@gmail.com

Related posts

I vincitori del Festival delle Arti sul Web Noi per Napoli 2020

Il Vino, la Storia e il Jazz… Partenopeo torna al Tunnel Borbonico

Redazione

Un’altro affascinante ospite del Festival per ragazzi più amato MIKA

Paolo De Leo

Lascia un commento