22 Maggio 2019

SULPEZZO.it
post

Storing The Past: interessante intuizione di Marco Germani

Storing The Past, è il nuovo brano e interessante intuizione di Marco Germani che va a costituire l’anteprima sul suo prossimo lavoro da solista. Con questa ultima pubblicazione, l’artista di Vigevano si dimostra compositore versatile e non ancorato ad un particolare genere ma in grado di spaziare e sperimentare musica verso ogni direzione.

La struttura compositiva del pezzo, che si sposa alla perfezione con le immagini del videoclip che ha accompagnato il lancio, frutto di un dinamico lavoro di Elisa Collimedaglia, ha una base industrial ed elettronica in cui si si sente l’ispirazione dei Krafwerk precursori del genere e incarna il senso distopico delle immagini.

Nel video, un operatore arrivato dal futuro, un alieno forse, che potrebbe essere visto anche come un lavoratore di una catena di montaggio, sta utilizzando, equipaggiato come se dovesse maneggiare qualcosa di pericoloso, superate apparecchiature elettroniche, che sembrano voler ricordare i tempi della guerra fredda, per catalogare messaggi provenienti da un’epoca relativamente vicina (Charles Manson, Steve Jobs, Martin Luther King, John F. Kennedy, Michelle Obama, Donald Trump, ecc) perché, probabilmente, se ne possa conservare traccia in quel futuro, incerto, verso il quale l’umanità si sta dirigendo. Questi messaggi vengono comunicati, fra l’altro, attraverso dei monitor a tubo catodico, connessi ad elaboratori elettronici degli anni ’80, da dei personaggi interpretati dagli stessi membri della band di Germani(i Limbo Neutrale).

Il ritmo incessante, già chiaro fin dalle prime battute, viene tagliato come da una motosega da chitarre elettriche che richiamano il genere metal sicuramente caro al Germani, accompagna l’ascoltatore in questo viaggio dal quale se ne esce quasi ipnotizzati col desiderio di riascoltarlo di nuovo al fine di cercare di comprenderne a fondo il senso. Con Storing The Past in cuffia si può anche immaginare di essere in mezzo ad un action movie, nella sua fase più viva. Il protagonista del video è lo stesso artista che, considerando le produzioni visive passate, si dimostra anche un autentico trasformista.

link al video: https://www.youtube.com/watch?v=bzWx3BOo4o0

Related posts

Corso Italia News: assoluzione piena dall’accusa di diffamazione

redazione

Don’t stress: la Santería napoletana dei Batà Ngoma

Gino Lepure

“Il Tempo dell’Addio” è il nuovo singolo dei SeM e Le Visioni Distorte

Gino Lepure

Rispondi