12 dicembre 2018

SULPEZZO.it
Giunta De Luca
politica

Regione Campania, Chiara Marciani rischia l’uscita dall’esecutivo

Regione Campania, continuano le tensioni all’interno dell’esecutivo.

L’estate si avvicina e forse anche le elezioni nazionali, intanto nella Regione presieduta da Vincenzo De Luca tante sono le spaccature e le tensioni che stanno lacerando la maggioranza e anche l’opposizione.

Acque agitatissime all’interno dell’Assessorato Regionale alla Formazione, retto da Chiara Marciani, il motivo è chiaro: scuole di formazione in subbuglio a causa dell’impossibilità di sostenere gli esami finali dei corsi regionali.

Il provvedimento che ha causato la spaccatura

L’ assessore Chiara Marciani l’anno scorso adottò un provvedimento che escludeva dalle commissioni di esame i rappresentanti dell’ispettorato del lavoro, ritenendo la materia dell’igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro non obbligatoria.

Decisione che ha scatenato il finimondo.

Gli ispettori hanno fatto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica e tale azione ha di fatto bloccato gli esami.

L’ Assessore chiamata in questi giorni in commissione sburocratizzazione e informatizzazione della pubblica amministrazione, di cui è presidente Maria Grazia Di Scala di Forza Italia, non si è presentata all’appello.

Tale assenza ha mandato su tutte le furie i presenti che hanno attaccato l’Assessore ribandendo che la Regione è ferma in materia di formazione.

La carriera della Marciani in Giunta De Luca

Assessore alla Formazione Regione Campania
Chiara Marciani, assessore alla Formazione della Giunta De Luca

Chiara Marciani, esperta in programmazione, attuazione e controllo dei Fondi europei, entrò in giunta in quota “Scelta Civica” e su indicazione dell’allora deputato Angelo Antonio D’Agostino, unico eletto in Campania nel 2013 nell’ ex partito del premier Monti.

Una poltrona che fa gola a molti esponenti del centro-sinistra campano.

Secondo fonti autorevoli, i tre consiglieri regionali che rappresentano in assise regionale Scelta Civica (Alaia, Zannini e Schiano) chiedono al Governatore quella poltrona per un loro rappresentante.

La pretesa allo stesso assessorato l’ha avanzata anche l’ex onorevole Giovanni Palladino che alle ultime elezioni non è stato confermato in Parlamento e che da tempo chiede spazio in giunta.

Richieste che, probabilmente, porteranno Chiara Marciani ad essere una delle prime “vittime” del rimpasto in Giunta.

I tempi per il rimpasto: Considerando che le politiche non sono mai finite, anzi, probabilmente si tornerà a votare, per il rimpasto i tempi sembrano brevi: fine maggio.

Alla fine del mese, infatti, il presidente De Luca terrà una conferenza programmatica sul lavoro sanità e trasporti, e poi si apriranno le danze.

La Marciani, però, non dovrebbe essere l’unica a lasciare l’esecutivo, dato che i pezzi da 90 del PD campano, Mario Casillo in primis, chiedono spazio e giunta politica, forse l’unico antidoto allo stallo attuale.

Related posts

Burocrazia zero, in Campania la rivoluzione targata De Luca

redazione

Convegno: “La professione del giornalista nell’era digitale.”

Mimmo Caiazza

Giornalisti, al via il referendum sul contratto

Mimmo Caiazza

Rispondi