21 Marzo 2023

SULPEZZO.it
politica

Prodotti agroalimentari tradizionali, altri 44 inserimenti

Nugnes, valorizziamo e tuteliamo patrimonio sapori.

“Con la quattordicesima revisione dell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali sono stati inseriti, su proposta dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Campania, 44 nuovi prodotti.” Così Daniela Nugnes, assessore all’Agricoltura della Regione Campania.

Tra i prodotti inseriti il Crocché, il Fagiolo di Gallo Matese, la Patata nera del Matese, la frittura napoletana, il Caciocavallo del Matese e il Caso maturo del Matese, il caprino conciato del Montemaggiore, gli scamorzini e la stracciata del Matese, il prosciutto di Rocchetta e Croce e il Granturco del Matese, il provolone, la ricotta di fuscella di Sant’Anastasia, la salsiccia e la soppressata del Vallo di Diano, la salsiccia e la soppressata del Cilento, il cece nero del Fortore, il biscotto di Sant’Angelo, il pane di patate e la pizza sulla liscia.

“Nell’elenco che è stato presentato – spiega – spiccano numerosi formaggi e salumi tradizionali che, grazie a tale inserimento, potranno accedere a specifiche deroghe igienico-sanitarie, già allo studio da parte degli assessorati regionali competenti e delle Asl Campane, per preservarne la tradizionalità e per permettere, nella massima sicurezza per i consumatori, ai tanti piccoli imprenditori del comparto di proseguire nella produzione in ambienti di tipo tradizionale, con metodologie e attrezzature specifiche.

“Salgono così a 429 i prodotti agroalimentari campani inseriti nell’elenco. Una risorsa eccezionale per le imprese agricole, di trasformazione e di ristorazione della nostra regione. Lo scopo è quello di valorizzare e tutelare un patrimonio di sapori della nostra tradizione regionale che, altrimenti, rischierebbe di scomparire”, conclude la Nugnes.

Related posts

Municipalità, Coppola (Napoli in Sinergia): Roberto Fico? Un ignorante.

redazione

Regione, 20 milioni per discariche dismesse

redazione

“Ponte pasquale? Sarà boom di turisti”

redazione

Lascia un commento