30 Giugno 2022

SULPEZZO.it
appuntamenti eventi e società

Pittura estemporanea, l’arte si espone a Sant’Eligio

La kermesse ci sarà sabato 9 maggio dalle ore 8,30 alle 14,00

NAPOLI. Rappresentare dal vivo luoghi storici e monumentali come piazza Sant’Eligio e piazza del Carmine. Questo lo scopo dell’evento, giunto quest’anno alla decima edizione, ideato da Enzo Falcone, da sempre impegnato per il rilancio di questa zona di Napoli attraverso l’arte e la cultura.
LOCANDINAAnche quest’anno tantissimi artisti professionisti e allievi dipingeranno per le strade e le piazze, chiese e chiostri, armati di tele e colori, per fissare, nel tempo dato, la propria impressione dei luoghi. Sarà una gara avvincente, anche se molti molti parteciperanno solo per amore della pittura, trascorrendo una giornata all’aperto e dedicando  le proprie capacità al servizio di una zona che nella dimenticanza generale.

L’associazione Storico Borgo Sant’Eligio ed il Consorzio Antiche Botteghe Tessili (dal 2006 è presente sul territorio) sono insieme nel percorso di promozione e sviluppo della zona Mercato. Anche quest’anno la manifestazione è aperta a tutti gli artisti con l’invito ai tanti studenti delle scuole di formazione artistica di partecipare anche e soprattutto per andare a scoprire una bella parte di città dove troveranno le chiese di Sant’Eligio, di San Giovanni a mare, Croce al Mercato e Santa Maria del Carmine, che tra le proprie mura hanno visto passare molta della storia della città e la grande piazza Mercato che dai dipinti di Micco Spadaro del ‘600 ad oggi è immutata nella sua funzione di raccordo tra i traffici commerciali e la città. Una vocazione spenta lentamente per le insipienti scelte politiche, ma ricercata con forza e passione da chi in questa zona ci ha passato la vita con imprese e botteghe, ed ecco che anche questa occasione perora con decisione la costituzione del Museo Laboratorio di Arte Tipografica, che rivolto ai giovani con la costituzione di una cooperativa, metterà il patrimonio della Tipografia Falcone al servizio della memoria per un arte che dal ‘500 ad oggi ha permesso di stampare libri, di ampliare la conoscenza, come l’estemporanea che offre nuova conoscenza dei luoghi storici ai tanti che qui non sono mai venuti, e sicuramente sarà una sorpresa ed una gioia condividere la passione e l’amore per l’arte e la propria città.

Related posts

In Arte Vesuvio: apre a Napoli nuovo centro per arte, cultura e spettacolo

ANGELA ANDOLFO

“Un calcio in bocca fa miracoli” al Teatro Bolivar

Redazione

Positano premia la danza di Vladimir Vassiliev, stella russa del Bolshoi

Renato Aiello

Lascia un commento