17 Settembre 2019

SULPEZZO.it
approfondimenti

Party per la vita: la solidarietà si veste a festa

Napoli – Musica, danze e buona cucina questi gli ingredienti del successo del Party per la Vita 2017 promosso da A.V.E.P. Onlus. Nello splendido salone del Ristorante della piscina della Mostra d’Oltremare circa 700 persone hanno partecipato al galà di beneficenza contribuendo alla raccolta fondi in favore del reparto di ematologia dell’Ospedale Pascale di Napoli.

Una serata all’insegna della musica dal vivo con Raoul and Swing Orchestra e il grande maestro Marco Zurzolo che hanno fatto scatenare gli ospiti fino a notte fonda. Non solo musica, una magnifica cena curata nei minimi dettagli da Sire Ricevimenti, all’insegna della dieta mediterranea, del cibo sano e del buon vino della cantina Fattoria La Rivolta.

 

 

 

 

 

 

 

A presentare la bellissima Serena Amabile che ha avuto il piacere di avere sul palco due importanti artisti: il regista Alessandro D’Alatri,  che ha diretto il film “In punta di piedi” e a cui è stata affidata la nuova serie de “I bastardi di Pizzofalcone”, e lo scultore Lello Esposito che ha donato una meravigliosa maschera di pulcinella in argento,  sorteggiata tra il pubblico.

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesco Orefice, presidente della AVEP Onlus, esempio concreto di come una dolorosa esperienza personale possa divenire strumento di speranza per gli altri, insieme al prof Antonello Pinto, direttore del dipartimento di ematologia del Pascale, hanno mostrato i risultati raggiunti fino ad ora: 1.883 interventi di assistenza domiciliare gratuiti (comprese trasfusioni), circa 750 mila euro di raccolta dal 2009; sono già a lavoro per programmare l’attività per il prossimo anno.

 

 

 

 

A fare gli onori di casa Donatella Chiodo, presidente della Mostra d’Oltremare, l’assessore alle politiche giovanili Alessandra Clemente ha portato i saluti del Sindaco, mostrando la vicinanza della città all’iniziativa.

“E’ questa la dimensione etica, morale e civile – sottolinea Alessandra Clemente, assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli – che deve contraddistinguere la città”.

A sostegno dell’iniziativa partner storici come  Cargomar e il Club Lions di Portici e Miglio d’Oro, Fattoria La Rivolta di Paolo Cotroneo,  Barbarulo Gemelli da Polso, Alessandra Libonati Jewels, Caseificio Cacace, Ep Congressi di Emanuela di Napoli Pignatelli.

Tra i tanti amici di Francesco Orefice e Simona Catuogno: Nando Frigeri, Enzo Minieri, Luciano de Angelis, Pietro Cacace, Cesare Falchero, Dino Falconio con la moglie Paola, Gianmaria Brumese, Maurizio Capalbo, Marilì Vicedomini, Giovanni Lombardi, Carlo Carbone,  Gabriella Giglio, Carmen Pacilio, Gianni Tomo, Tina Vasaturo, Carmen Padula, Raimondo Zampaglione, Lorenzo Bianchi, Emanuela Zincone, Angelo Padovani, Elisabetta di Luzio di Castelguidone, Massimiliano Galli, Peppe Sannino, Roberto Maglio, Pasquale di Costanzo, Francesco Schillirò, Giuseppe Marasco.

L’appuntamento è per l’anno prossimo, con l’auspicio che questa importante iniziativa veda aumentare sempre più il numero di partecipanti e sia strumento per la realizzazione, in crescendo, di sempre nuovi obiettivi.

 

 

 

 

 

*Le foto all’interno dell’articolo sono opera di Massimo Cuomo Photography

Related posts

Adrenoleucodistrofia e sclerosi multipla. Gli esperti mettono in guardia: attenzione ai rischi di misdiagnosi

Tania Sabatino

Riconfermato il grande successo per il concerto di gala “Mandolini sotto le Stelle”.

ANGELA ANDOLFO

Già la luna in mezzo al mare

Associazione Culturale Noi per Napoli

Rispondi