17 Ottobre 2019

SULPEZZO.it
cultura

Oltre lo smeriglio: guardare al passato per capire il presente

Napoli – Giovedì 11 dicembre, alle ore 17.30, presso Il Tennis Club Vomero in via Rossini, 6 (Napoli), si presenterà il volume di poesie “Oltre lo smeriglio” di Antonio Spagnuolo (Kairòs Edizioni). All’incontro, moderato da Maurizio Vitiello, interverranno Maurizio Sibilio e Ugo Piscopo. Letture di Mariarosaria Riccio. Sarà presente l’Autore. Evento a cura di Monica Florio.

Divisa in due sezioni, “Ricomporre” e “Memorie”, “Oltre lo smeriglio” di Antonio Spagnuolo (Kairòs Edizioni, 10 euro, pp. 56) è una raccolta poetica intrisa di venature malinconiche e nostalgiche originate dal sentimento del dolore.

La sofferenza del poeta è parte integrante della crisi vissuta dalla società: a questa  decadenza – a cui non sfugge neppure la natura circostante – ci si può sottrarre solo attraverso la poesia stessa.

Ed è l’autenticità del verso a trascendere la personale esperienza del poeta che diviene universale coinvolgendo così il lettore in un discorso che oscilla tra passato e presente, dolore e gioia.

 “Lo smeriglio è un minerale che può essere utilizzato per smerigliare, appunto, il vetro, al fine di renderlo opaco. Il poeta cerca qui, probabilmente, di ricomporre un passato nella sua memoria, di guardare oltre lo smeriglio del tempo presente. Ma guardare nel passato, così come nel futuro, significa ravvivare il presente, e non invece allontanarsene, come si potrebbe facilmente pensare”. (Roberto Maggiani)

Antonio Spagnuolo, napoletano, è presente in numerose mostre di poesia visiva internazionale, in antologie, nei volumi di storia della letteratura italiana. Numerosi suoi volumi di poesia sono stati premiati più volte. Tradotto in inglese, dirige la collana Le parole della Sibylla per le Edizioni Kairòs e il sito Poetrydream.

 

Per contatti:

Monica Florio

349/1853248, monica_florio@libero.it

Related posts

W LE DONNE, con Giacomo Rizzo, in scena al Teatro Troisi

Chiara Ricci

La Scuola Elementare del Teatro al via il quarto ciclo

Chiara Alborino

Abel Ferrara riprende gli immigrati di Piazza Vittorio nel suo nuovo film

Renato Aiello

Rispondi