12 dicembre 2018

SULPEZZO.it
pubbliredazionali

Nutrizione sportiva, cretina integratore principe

La corretta alimentazione è alla base di uno stile di vita sano, che consente all’organismo di funzionare nel modo migliore.

La nutrizione sportiva è legata alla richiesta energetica, finalizzata al miglioramento della performance di atleti, che si basa su un’alimentazione corretta, ed è parte integrante della preparazione sportiva.

Gli sportivi si sono sempre interrogati sul rapporto tra la qualità e la quantità delle sostanze nutrienti da assumere, e tale scelta, nel tempo, ha mostrato una progressiva evoluzione, dovuta anche alla maggiore informazione scientifica in merito alle sostanze da utilizzare.

La creatina è una delle sostanze più utilizzate nell’ambito sportivo, ed è uno degli integratori sportivi più studiati e popolari degli ultimi 15 anni. E’ riconosciuta come il supplemento dietetico più proficuo e in grado di ampliare la forza muscolare e la generale prestazione anaerobica.

Si tratta di un integratore basato su una sostanza azotata che si ottiene dall’ unione di tre amminoacidi: metionina, glicina e arginina, e il corpo umano è in grado di sintetizzarla autonomamente e viene prodotta a livello epatico, renale e pancreatico.

Si può acquistare creatina online, oppure assumerla con un’alimentazione specifica. Gli alimenti che contengono la creatina sono: carne di manzo, di maiale, i mirtilli, le aringhe, il merluzzo, salmone, gamberi, tonno e il latte, mentre gli effetti derivano dalla sua capacità di liberare energia nei momenti di massima richiesta metabolica.

In generale, gli integratori alimentari rappresentano il cardine della nutrizione degli atleti e si tratta di prodotti specifici capaci di avvantaggiare l’assunzione di determinati principi nutritivi. Tali prodotti che devono essere assunti all’interno di un regolare piano alimentare.

Una fetta consistete di nutrizionisti concorda sul fatto che gli integratori vengano consigliati nei casi in cui l’organismo abbia un’effettiva carenza di determinati elementi o sostanze.

Gli integratori non sono sostanze curative, ma servono a integrare una normale dieta, completandola nei casi di reale fabbisogno aumentato, ma in nessun caso suppletive di una dieta alimentare variegata.

Sono stati condotti centinaia di studi per valutare l’efficacia della supplementazione di creatina nel migliorare la performance fisica. Quasi il 70% di questi studi hanno riportato un significante miglioramento della prestazione, mentre gli altri hanno generalmente riportato guadagni non significativi in questi termini di prestazioni.

Non esistono studi che riportano un effetto ergolitico sulle performance, anche se alcuni hanno suggerito che l’aumento di peso, associato alla supplementazione di creatina, potrebbe essere controproducente in determinati sport: corsa o il nuoto.

L’incremento medio delle prestazioni da questi studi oscilla tra il 10 e il 15% a seconda della variabile di interesse.

Nel corso degli anni, insomma l’alimentazione degli sportivi è molto cambiata. Basti pensare che un tempo l’atleta era prevalentemente un vegetariano e si nutriva di frutta, verdure, cereali, e beveva vino diluito con acqua. Nel tempo, però, la componente proteica dell’alimentazione dello sportivo è divenuta fondamentale.

 

Related posts

Garanzia auto semplice e garantita con Opteven

Mimmo Caiazza

Luetec: nuovi corsi per essere affamati e folli dalla voglia di sapere

Tania Sabatino

Regolazione del calore: risparmio in bolletta per 1.000 condomini

Mimmo Caiazza

Rispondi