29 Novembre 2022

SULPEZZO.it
appuntamenti

#Nit presenta: Ecotreatment fest

Dal 13 al 16 maggio a Napoli

In occasione dell’edizione 2016 del Maggio dei Monumenti, #NIT – Napoli in Treatment, sotto la supervisione di Luigi De Matteis, presidente dell’associazione M0tus (Make 0 the ultimate solution), e con il patrocinio dell’Ordine degli Psicologi della Campania, propone una rassegna a ingresso gratuito rivolta a turisti, studenti e cittadini dedicata all’ecologia ambientale, sociale e della mente per diffondere buone pratiche “green” e promuovere riflessioni su un concetto cruciale per il benessere attuale della collettività e del pianeta: il rifiuto in differenti accezioni, dai materiali di scarto urbani alla “spazzatura” interiore, personale, sociale, relazionale. “Rifiuti” che, in modi diversi, rappresentano risorse inesauribili per noi stessi, per la società e per il mondo che abitiamo.
Volto principale dell’EcoTreatment Fest, organizzato in collaborazione con gli assessorati alla Cultura e all’Ambiente del Comune di Napoli e l’Università Suor Orsola Benincasa, sarà lo scienziato statunitense Paul Connett, attivista ambientale di fama internazionale e ideatore della teoria dei “rifiuti zero”.

Il Programma

13 maggio 2016: CONVEGNO, L’ECOLOGIA DELLA MENTE E DELL’AMBIENTE DA CARLO DI BORBONE A GREGORY BATESON (dalle 09:30 alle 14 Sala Villani – Università Suor Orsola Benincasa – via Suor Orsola, 10)
Interventi: “Dieci passi verso rifiuti zero”, Paul Connett, scienziato, attivista ambientale, inventore del programma “zero waste”; “Carlo di Borbone e il risveglio scientifico di Napoli”, Massimo Capaccioli, docente emerito di Astrofisica all’Università Federico II di Napoli; “Comunicare green”, Umberto Costantini, docente di Green Marketing dell’Università Suor Orsola Benincasa; “Verso una clinica delle macroecologie”, Giovanni Madonna, psicologo psicoterapeuta, esperto delle teorie dell’ecologia della mente di Gregory Bateson; “Green economy e responsabilità sociale delle imprese”, Paolo Ghionni, coordinatore delle relazioni con le imprese per il Corso di Laurea in economia aziendale e green economy dell’Università Suor Orsola Benincasa; “Da ecologista anonimo a circolare e felice. Caso di successo”, Francesco Iacotucci, presidente di Asia. Introduce Raffaele Del Giudice, vicesindaco con delega all’Ambiente del Comune di Napoli. Modera Roberta De Martino, psicologa psicoterapeuta, ideatrice del format #NIT – Napoli in Treatment.

Coffee Break a cura di Casa Infante/Leopoldo dal 1940.

14 – 15 maggio 2016: ECOGAME, CACCIA AL RIFIUTO (dalle 10.30 – Real Bosco di Capodimonte)
paul-connett 1Una speciale e labirintica caccia al tesoro guidata da Paul Connett nei panni di Carlo di Borbone, il monarca illuminato a cui è dedicata l’edizione del Maggio 2016. Un percorso aperto ai cittadini tra i viali del Real Bosco di Capodimonte, luogo adorato dal sovrano settecentesco (partecipazione gratuita, previa prenotazione: info@napolintreatment.it). Il tour si svolgerà tra rebus, giochi e indovinelli su: raccolta differenziata, programma “zero waste”, “cura del rifiuto”. Ogni tappa dell’EcoGame avrà come protagonista una persona che quotidianamente in città promuove sane pratiche ecologiche; molti membri della rete di #NIT – Napoli in Treatment, comuni cittadini, cooperative, fondazioni, aziende e associazioni che svolgono attività inclusive dal forte impatto sociale, legate al riciclo e all’attenzione al rifiuto di qualunque genere (tra cui: Consorzio Confini, Cleanap, Adda Passa a Nuttat, Legambiente, Assessorato comunale all’Ambiente, Polizia Municipale, Let’s do it Italy, Tina & Angelo Scognamiglio).
L’EcoGame si basa su una sceneggiatura originale firmata #NIT – Napoli in Treatment finalizzata a promuovere la responsabilità, l’identificazione, la partecipazione attiva, la conoscenza e la presa di coscienza dei cittadini su tematiche ambientali.

IN PALIO
Copie autografate del libro “Rifiuti Zero” di Paul Connett (per i vincitori); performance musicale conclusiva a cura di Roberto Ormanni & il Quartet in collaborazione con Apogeo Records.
16 maggio 2016: VISITA ALL’ECODISTRETTO KM 0 (dalle 16 alle 18 – Centro Penitenziario di Secondigliano)
Il Centro Penitenziario di Secondigliano ospita una realtà ambientale virtuosa, un ecodistretto a Km 0 ispirato al principio dell’economia circolare: un impianto di selezione degli imballaggi e dei rifiuti ingombranti e un impianto di compostaggio in via di ultimazione che sarà in grado di soddisfare le esigenze dei quartieri di Scampia e Secondigliano. Il sito è gestito con efficienza dai detenuti che incontreranno Paul Connett, uno psicologo-psicoterapeuta, un gruppo di operatori penitenziari, attivisti e rappresentanti delle istituzioni impegnati su tematiche ambientali. Attraverso la metafora del rifiuto si cercherà di ripensare il carcere da luogo di reclusione a luogo di re-inclusione in cui i detenuti da soggetti spesso “rifiutati” dalla società trovano spazio e tempo per immaginarsi risorsa. Interverranno, tra gli altri, Roberta De Martino, psicologa e psicoterapeuta (staff #NIT), Danilo Risi (staff Assessorato comunale all’Ambiente), Luigi Peluso (Secondigliano Recuperi), Luigi De Matteis (M0tus – Make 0 the ultimate solution). Saluti di Liberato Guerriero, direttore del Centro Penitenziario di Secondigliano. Dialoghi e riflessioni che faranno da anteprima alla visita all’ecodistretto e agli orti curati dai detenuti.
L’appuntamento è organizzato in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli, la cooperativa Secondigliano Recuperi, il Centro Penitenziario di Secondigliano, l’associazione M0tus (info: info@napolintreatment.it).

CONTATTI
Roberta De Martino 328/8124198 – info@napolintreatment.it
@MAGGIO DEI MONUMENTI 2016
13 – 14 – 15 – 16 maggio 2016
(Università Suor Orsola Benincasa – Real Bosco di Capodimonte – Centro Penitenziario di Secondigliano)
www.napolintreatment.it/ecotreatment-fest

Related posts

Borgo Lanificio: Arteparty celebra Artecinema

redazione

Nasce la “Compagnia Stabile di Tradizione”

Redazione

Dalla Germania sbarca a Napoli il sound elettronico del dj producer Martin Heyder

3la

Lascia un commento