23 Novembre 2020

SULPEZZO.it
eventi e società

Napoliclick ed il Mangiastorie: impegno sociale e consumo critico tradotto in parole ed immagini

I compleanni segnano fasi di transizione, un passaggio ad una nuova fase della vita, più ardua, più ricca di responsabilità, ma anche più piena di soddisfazioni, di obiettivi, di prospettive.

E’ così per Napoliclick (www.napoliclick.it), il portale di notizie e opportunità promosso dal gruppo di imprese sociali Gesco, che ha ufficialmente annunciato il suo ingresso nel novero delle testate giornalistiche registrate.

Un passaggio nevralgico per un progetto che mira ad offrire aggiornamenti, informazioni e spunti partendo da un approccio critico, attento alla sostenibilità economica, al rispetto per l’ambiente, al consumo responsabile e solidale, al benessere, alla salute, alla buona cucina.

Notizie importanti per potersi orientare nella vita quotidiana, scegliendo in maniera consapevole chi si voglia essere e dove si voglia andare (ed anche con chi).

Per scoprirlo e poter scegliere ci sono le news delle rubriche Consumo Critico , BenessereRicetteOpportunità, che sono trattate anche attraverso approfondimenti, interviste e contenuti multimedia (foto e video).

La sezione Eventi è, invece, una guida pratica per partenopei e turisti per vivere la città scoprendo anche solo per un giorno itinerari e indirizzi alternativi. Cuori Impavidi è lo spazio dedicato alla posta: storie, lettere e alle testimonianze di chi lotta quotidianamente per guadagnarsi non solo la libertà cui il suo cuore aspira, ma anche il coraggio necessario per onorarla. ViviNapoli e Viaggi sono rubriche dedicate a chi arriva e parte dalla nostra città.

In tempo di crisi e contrazione economica assume un interesse nevralgico lo spazio dedicato alla Banca del Tempo, un progetto coordinato dal gruppo Gesco sotto il marchio FarePiù, che promuove lo scambio di attività e servizi in maniera gratuita, avendo come unità di misura il tempo delle persone.

Le parole chiave del fare informazione della Redazione di Napoliclick sono: consumo critico, benessere e buona cucina abbinate alla possibilità di vivere una vita migliore a 360 gradi.

Ecco perchè la Redazione non poteva mancare all’appello delle penne che hanno dato corpo alle storie narrate nell’edizione 2015 di AgendO, il taccuino giorno per giorno edito da Gesco.

L’edizione 2015,curata da Teresa Attademo e Ida Palisi, in collaborazione con Raffaella R. Ferré e la redazione del portale Napoliclick.it, è dedicata alla cucina e, assieme ad essa, a a quella che potremmo definire “antropologia e sociologia del cibo”. non a caso AgendO (che non è solo il maschile di agenda ma è anche il gerundio del verbo agire, a significare un’azione concreta che parta dalle piccole e grandi consapevolezze quotidiane)

Storie che incarnano riflessioni sul perchè, come diceva l’antropologo Levi Strauss, non “mangiamo quello che è buono da mangiare ma quello che è buono da pensare”.

Come sottolinea l’antropologo Marino Niola, che ha partecipato alla creazione del Mangiastorie,oggi  abbiamo a che fare con “una cucina senza”. Si ragiona, e mangia, per sottrazione invece che per addizione, com’era in passato, per esempio all’epoca dei nostri genitori.

Forse, come sottolinea Niola, perchè loro avevano fame di vita (e di azione), mentre oggi della vita se ne ha paura.

Nel frattempo si moltiplicano le tribù alimentari: vegetariani, vegani, macrobiotici, lattofobi, crudisti, sushisti, naturisti, no gluten, no steak, carnivori, fruttivori, localivori…. e chi più ne ha più ne metta.

IL MANGIASTORIE 2015

Nel 2015 AgendO– mangiastorie è dedicata a racconti e poesie attorno al cibo con i contributi originali di scrittori, giornalisti e poeti, accompagnati da frasi celebri sul tema tratte da film e libri. Per la prima volta è realizzata con il contributo della redazione di Napoliclick(.it).

Ogni autore ha donato il suo contributo di parole ed immagini gratuitamente, per sostenere la realizzazione di uno strumento di informazione e sostegno ad un progetto sociale di importanza condivisa: le attività della cooperativa (R)esistenza Anticamorra nel Fondo rustico “Amato Lamberti” di Chiaiano, il primo bene agricolo confiscato a Napoli e trasformato in un pescheto e in un vigneto.

Gli autori sono: Maurizio de Giovanni, Alessandra del Giudice, Vincenzo Esposito, Raffaella R. Ferré, Gabriele Frasca, Stefano Piedimonte, Patrizia Rinaldi, Francesco Romanetti, Serena Venditto, Massimiliano Virgilio e Giovanni Serritelli.

Ogni testo è affiancato da una fotografia (di Francesco Bassini, Giovanni Berisio, Alessandra del Giudice, Roberto Franco, Amanda Mancini, Tonia Peluso, Maria Raffaela Scalfati, Antonio Scolamiero, Sergio Siano) e ad accompagnare il susseguirsi dei giorni con leggerezza e ironia, ci sono le frasi celebri di film e libri selezionate da Sarah Galmuzzi, mentre il progetto grafico è curato dallo Studio Eikon.

“Perché un’agenda sul cibo? – spiega Sergio D’Angelo, direttore di Gesco –  Perché il cibo è, da sempre, la maggiore preoccupazione dell’uomo: un quinto elemento si potrebbe dire, dopo aria, acqua, terra e fuoco, che va a costituire la sua essenza. Perché nella ricerca del supercibo, rischiamo di perdere alcuni sensi: oltre a quello del gusto, anche quello della realtà. Che a volte, proprio su questo quinto elemento essenziale all’uomo, si rivela in tutta la sua brutalità, ricordandoci che il cibo viene dalla terra, e che la terra può essere malata e fare ammalare. Allora ecco perché agendo 2015 – mangiastorie, con racconti e poesie sul cibo. Per non dimenticare la Terra dei Fuochi, ma idealmente ricordarci che sulle nostre terre ci sono ancora prodotti genuini. Per immaginarci imprese future che valorizzeranno la buona cucina tradizionale, e liberarci dalla dipendenza da street food e patatine”.

Disponibile in giallo, rosso e nero e in versione settimanale, agendo 2015 – mangiastorie si può prenotare scrivendo a gescoedizioni@gescosociale.it (quota 12 euro)

 

Related posts

CHIARA TAIGI – Successo del Pubblico e della Critica – Concerto Omaggio a Renata Tebaldi – Biblioteca Presidenziale – San Pietroburgo – Russia

UfficioStampaChiaraTaigi

“Black Latex”, il nuovo video di Yung Belial tra drop techno e industrial metal

Davide Guerri

Frattamaggiore al via la rassegna Durante Natale Festival

ANGELA ANDOLFO

Lascia un commento