15 novembre 2018

SULPEZZO.it
cinema cultura

A Napoli, Firenze e Palermo la Memoria passa sull’Ultimo metro di Truffaut

Al Cinema De Seta di Palermo tra febbraio e marzo si terrà la VI edizione della rassegna Cinémardi, la kermesse cinefila del martedì sera organizzata dall’Institut Français di Palermo in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo. A François Truffaut il compito di aprire la manifestazione il 23 gennaio, a ridosso del giorno della Memoria, con “Le Dernier Metro”.

Il film però non sarà riscoperto solo dal pubblico palermitano, perché anche negli Institut gemelli di Napoli e Firenze, rispettivamente il 24 gennaio al Grenoble con Cinescoperta e il 29 gennaio nella cornice del Myfrenchfilmfestival.com 2018, ci saranno proiezioni di questo gioiello un po’ dimenticato.

Truffaut è stato un influencer ante litteram in fatto di settima arte, avendo influito  sul cinema francese contemporaneo ed europeo più di chiunque altro, da cineasta di culto, critico sincero dei Cahiers e cinephile raffinato quale lui era. Figura fondamentale nella Nouvelle Vague, Truffaut incarna oggi un cinema francese che è allo stesso tempo d’autore e rivolto al grande pubblico.

Premiato ai suoi tempi da dieci César, gli Oscar parigini, “L’ultimo metrò” è stato, come ricorda Frédéric Bonnaud, un malinteso in patria: dal momento che fu il film più costoso e il maggior successo commerciale di Truffaut, si insinuò a lungo nella critica snob ed elitaria che fosse un lavoro consensuale e accademico – ogni film in costume è accusato di ciò – con il quale il regista, all’apice della sua carriera e del successo, avrebbe rinnegato i suoi ideali di gioventù, affidandosi allo star system dell’Esagono. Un sistema rappresentato allora dalla coppia Catherine Deneuve – Gérard Depardieu, entrambi superlativi in una prova davvero maiuscola nella loro carriera, che li ha visti poi rispettivamente candidati agli Oscar con Indocine e il mitico Cyrano de Beregerac anni dopo.

Rivisto oggi, “L’ultimo metrò” è allo stesso tempo un affresco sull’occupazione nazifascista e un racconto molto personale, e appare come uno dei film più luminosi del suo autore. Ambientato nella Parigi del 1942, durante l’occupazione tedesca, una compagnia teatrale prova un nuovo spettacolo sotto la direzione dell’attrice principale e direttrice del teatro (la Deneuve), mentre il marito, partigiano ricercato dai nazisti, si nasconde nello scantinato della struttura.

 

Related posts

Vite fragili di Elisabetta Sabato

Annita Corsato

Il Libro di Tatiana Chemi al Nuovo Teatro Sancarluccio

Mimmo Caiazza

Storie speciali di persone normali di Marco Caneva

Annita Corsato

Rispondi