21 Gennaio 2019

SULPEZZO.it
appuntamenti

Moses Village: si comincia con Sandro Joyeux ed i SambaNapoli

Napoli – Anche per il 2015 torna l’appuntamento estivo con il Moses Village al Parco dei Camaldoli (con ingresso dalla strada Privata Rai). Cresce l’attesa e l’adrenalina scorre a fiumi.

 Moses Village 2015

Il Moses Village, infatti, prevede appuntamenti dal giovedì alla domenica dall’11 giugno al 19 luglio a partire dalle ore 19.00.

Non solo musica ma anche mercatini di prodotti artigianali, con uno spiccato gusto per il vintage ed il retrò.

Aperitivi arrossati dalla luce del tramonto, gustoso cibo multietnico, e lunghe passeggiate nel verde intenso del parco urbano più grande d’Italia, tra il bosco di castagni, le aree dedicate al birdwatching ed al trekking, e il belvedere, da cui si gode una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli ed i Campi Flegrei e si incrocia lo sguardo con quello del maestoso Vesuvio e di tutta l’area vulcanica.

Un’area food e due aree dedicate alle esibizioni musicali, tra live e dj set. Il tutto dà sapore e colore ad un ormai imperdibile avvenimento estivo.

Si parte con Sandro Joyeux, musicista girovago che getta un ponte tra la Francia ed il resto del mondo, ed il suo intenso live.

La sua musica segna le tappe di un viaggio, ricco di ricordi e suggestioni. E’ una danza dell’anima… è condivisione.

Dal caldo e dai misteri del deserto alle strade polverose del West America, passando per la povertà delle banlieue parigine e per la segregazione dei ghetti giamaicani.

E’ una musica multietnica la sua, che a volte assume il suono del grido dei bambini soldato, altre volte canta la nenia della pioggia che cade tra i rami degli alberi delle foreste amazzoniche. Sempre reca con sé l’eco di città e terre lontane, da Brooklyn a Bamako.

Un crescendo di vibrazioni che prima di tradursi in groove e alchimia di elementi, fa apprezzare al pubblico la forza di ogni singolo suono, trasportandolo in una dimensione magica, sospesa tra il cielo e la terra, dove la mente incomincia un viaggio onirico tra mille volti e configurazioni geografiche, ed il corpo si lascia andare liberando la sua energia vitale.

Una nota particolare, in un momento così delicato sul fronte dell’immigrazione, merita il suo l’Antischiavitour, a sostegno dei migranti dedicato all’Italia del lavoro per pochi spiccioli e delle baraccopoli, dei braccianti agricoli venuti da lontano, delle speranze e della loro assenza, quando tutto sembra inutile e vuoto.

A seguire nuove vibrazioni incalzanti e moltiplicate all’ennesima potenza con SambaNapoli, un’associazione nata nel 2013 composta da 3 formazioni (Bateria PegaOnda, Galera De Rua e Unidos De Napoles) e che propongono un repertorio di percussioni brasiliane. Il loro scopo è diffondere la cultura del Samba, con tutti i suoi variegati significati, di cui l’ensemble si fa portavoce e custode.

Ed ancora a tutta adrenalina ed energia positiva con il dj set di Dj Gianni Rallo Rock’n’Rallo

La serata è ad ingresso gratuito

Immagine dal Moses Village 2014

La location

Il Parco Urbano dei Camaldoli (istituito nel 1980) è parte integrante della Collina dei Camaldoli ed è stato completato nel 1996, anno in cui è stato aperto al pubblico. Dal suo belvedere si gode una vista mozzafiato sull’area dei Campi flegrei e sul Golfo partenopeo. Un luogo collocato nel cuore della città ma che permetterà di essere trasportati in un’altra dimensione, lontani dal caos e dai rumori della quotidianità
Il Parco è famoso anche per la presenza di alberi di castagno. Infatti è una meta richiesta, da un pubblico trasversale, nei mesi in cui le castagne sono mature, per effettuare la raccolta di questo gustoso frutto.

 

Per maggiori informazioni é possibile rivolgersi al 3336194063.

 

Per rimanere aggiornati seguite la pagina Facebook: https://www.facebook.com/MosesLiveClub?fref=ts

Ufficio stampa: Dr.ssa Tania Sabatino

Ph. 3205741842, E-mail: pressoffice.mosesclub@gmail.com

Related posts

Quotazioni Metroquadro 2017 Napoli e Provincia

Mimmo Caiazza

Mostra al Duomo sulla plastica, il pianeta da salvare secondo l’Unesco

Renato Aiello

Everybody walk, educare i medici allo sport

redazione

Rispondi