21 Maggio 2019

SULPEZZO.it
teatro terapia teatro tram
appuntamenti teatro

Le follie di don Fausto, al Tram una giocosa teatro-terapia

Si può fare teatro-terapia soltanto assistendo a uno spettacolo? A quanto pare si può. Una commedia e tragedia in cinque atti, un prologo, un epilogo ed un siparietto, ognuno dei quali ha una propria arte “protettrice”. Se il prologo è sotto l’egida del mimo e della maschera, il primo atto si affida alla magia, il secondo alla musica e al canto, il terzo all’arte del teatro di figura e alla clownerie, il quarto alla pantomima, il quinto alla poesia e alla recitazione in versi.

Sono questi i cardini dello spettacolo “Le follie di Don Fausto”, testo e regia di Vittorio Passaro, che va in scena questo weekend al teatro Tram di via Port’Alba (da venerdì 1 a domenica 3 marzo). Lo spettacolo, al suo debutto sul palco, è prodotto dalla Compagnia MiST (Movimento in-Stabile di Tradizione), nata dalla volontà di un gruppo di giovani attori, drammaturghi e registi di mantenere viva la tradizione teatrale.

Un giovane medico che ha in cura quattro pazienti; un giovane che vede la vita a modo suo, con un pizzico di poesia e un goccio di follia. Così come l’omonimo protagonista de “La tragica storia del Dottor Faust” di Marlowe e come il “Faust” di Goethe, parodiati a loro volta ne “Il Don Fausto” di Petito, così anche questo Don Fausto, con la sua estrema voglia di conoscenza e di condivisione della stessa, viene creduto pazzo.

Un gruppo di quattro medici anch’essi un po’ strambi, tentano di risanarlo dalla sua follia, con una tecnica innovativa: la teatro-terapia applicata miratamente alla follia specifica del paziente. Proveranno dunque a far rivivere a Fausto le stesse vicissitudini che subiscono gli omonimi creati dagli autori sopraelencati, facendogli così incontrare gli stessi svariati personaggi, ma ben più affini alla sua bizzarria.


Fra i vari atti un coro un po’ particolare, ossia il tecnico dello stesso spettacolo, che tra un sistemar di oggetti e uno spostar di fari, condurrà gli spettatori attraverso le follie dei vari personaggi, creando così un unico luogo dove convivono più realtà, più mondi simultaneamente, così come in una litografia di Escher. Si è tentato di creare una commedia esilarante che pone l’accento su forti temi dell’ “essere” umano, in un clima quasi alla Tim Burton con personaggi contemporaneamente paradossali e concreti nelle loro follie.

Related posts

Al Temporary Vinyl, lo showcase di House Club Records

informanight

Albertino, dj set all’Arenile di Bagnoli

Redazione

Autentico successo per il concerto “Joyce Yuille & Hammond Groovers”

ANGELA ANDOLFO

Rispondi