24 settembre 2018

SULPEZZO.it
comunicati stampa

Lavoro, Palmeri: “FCA mantiene i livelli occupazionali in Campania.”

Si è concluso alle 14 di ieri giovedì 21 giugno 2018, presso gli uffici della Regione Campania, l’incontro per l’espletamento dell’Esame congiunto tra la Direzione della FCA Italy S.p.A. e le OO. SS. e le RSA, con una INTESA che è alla base della richiesta di Cigs per riorganizzazione aziendale, relativa allo stabilimento di Pomigliano d’Arco e di Nola.

L’esito dell’esame congiunto è stato positivo.

Si passa quindi dall’attuale contratto di solidarietà, con un esubero complessivo temporaneo di 2.598 lavoratori, ad un programma di riorganizzazione aziendale per le due sedi, che impegna l’azienda a realizzare un articolato programma di azioni ed investimenti volti al consolidamento e miglioramento dei livelli di efficienza dei siti stessi.

Il tutto è propedeutico alle nuove produzioni.

L’organico coinvolto è complessivamente di 4.622 lavoratori:4.342 presso la sede di Pomigliano e 280 presso la sede di Nola.

“Ritengo doveroso- afferma l’assessore Sonia Palmeri- sottolineare l’ampia e condivisa partecipazione alla discussione ed alla sottoscrizione dell’Esame congiunto da parte di ciascuna organizzazione sindacale (di operai, impiegati e quadri) di cui ho apprezzato il vivo senso di responsabilità e la lungimiranza sugli sviluppi futuri dei siti campani.

La Regione Campania seguirà attentamente i successivi sviluppi legati al mantenimento dei livelli occupazionali, di un’azienda come FCA che ha mostrato il serio interesse- conclude poi- a consolidare e sviluppare livelli di eccellenza di prodotto e di processo nella nostra Regione.”

SEGRETERIA ASSESSORE REGIONALE AL LAVORO SONIA PALMERI

 

Related posts

Abbonamenti gratuiti studenti: “Discriminazione vergognosa”, gli enti di formazione attaccano la Regione  

redazione

Campania, Palmeri: “Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro a supporto dei piccoli comuni campani.”

Mimmo Caiazza

Da settembre avviso del Comune per le cure termali gratuite, ecco come partecipare

Mimmo Caiazza

Rispondi