17 Ottobre 2019

SULPEZZO.it
appuntamenti teatro

La vita di Jim Morrison sul palco del Tram

Prima c’è stato Franco Califano, poi Luigi Tenco: con Jim Morrison si conclude la triade di spettacoli dedicati ai miti del cinema al Teatro Tram. Da stasera a domenica va in scena in “Break on Through” – con la regia di Bruno Barone – la vita del cantautore, frontman dei Doors fino alla morte, avvenuta nel 1971.

Lo spettacolo narra la vita di Jim Morrison partendo dalle vicende che portarono alla nascita del mito, poi il rapporto conflittuale con il padre e la madre, le sue visioni, le sue paure,i suoi incontri, la sua poetica, la dipendenza dalle droghe e il rapporto con la donna che maggiormente segnò la sua vita, Pamela Courson. Partendo da un Morrison maturo nel periodo più buio della carriera, attraverso i monologhi dello stesso Morrison, i dialoghi con Pamela Courson e la storia dei Doors, e una selezione delle più belle poesie e canzoni dell’autore, si cercherà di ricostruire le mille sfaccettature di un poeta maledetto, uomo controverso dal grande talento e temperamento spentosi troppo presto in un mistero che dura da 45 anni.

Si dice che in punto di morte la vita ci scorre davanti agli occhi come un grande film: gioie, dolori, amori, passioni, tutto ciò che ci ha profondamente segnato e ha determinato la nostra identità – dice il regista Bruno Barone -. Break On Through è un viaggio onirico e simbolico negli ultimi istanti di vita di Jim Morrison, il poeta maledetto la cui immagine ha segnato indelebilmente un’intera generazione diventando il simbolo di quella ribellione contro l’establishment che investì l’America alla fine degli anni ’60. Dall’amore folle e tormentato per la compagna Pamela Courson alla consacrazione come rock star definitiva, dall’ossessione per la morte all’esperienza mistica dei concerti live, dal rapporto conflittuale con i Doors allo sciamanesimo dei nativi americani, lo spettacolo è un dialogo intimo e dissacrante tra Jim Morrison uomo e Jim Morrison Rockstar”.

Attraverso immagini sfocate e ricordi frammentati gli spettatori saranno catapultati nell’inconscio di una delle figure più controverse della storia americana che ancora oggi fa sentire la sua voce, quell’urlo disperato che esorta a spingersi oltre ogni limite imposto, riappropriandosi della propria essenza, perchè soltanto quando i muri della percezione saranno definitivamente abbattuti tutto apparirà come veramente è… infinito.Bruno Barone

Related posts

Lingua o dialetto, il dibattito sul napoletano è aperto a Palazzo Nunziante

Renato Aiello

Carlo Animato alla rassegna LibriAmo

Redazione

Megaride, week end denso di eventi a Napoli

redazione

Rispondi