12 dicembre 2018

SULPEZZO.it
musica

“La base” di Gianni Carboni, un album vagamente ardito

Di “La base” la cosa che subito ci colpisce è la grande qualità del prodotto musicale che stiamo ascoltando. Una sorta di viaggio mentale questo album dove il connubio elettronica/rock si esplicita, amalgamandosi, in modo più che convincente, un album che arriva alle nostre orecchie con sonorità spesso anche ardite. Le capacità di Gianni Carboni sono impeccabili e “La base” è testimonianza di tali capacità.

I pezzi funzionano non poco: ritornelli catchy, chitarre elettriche marcate, striature rock che, talvolta, sembrano squarciare il melodico che c’è nell’album. “Il rock è morto”? Ma per niente e Gianni Carboni, un chitarrista con una tecnica eccellente, c’è lo dimostra in più di un brano. L’elettronica e il pop di “La base” non disturbano e mostrano che Gianni Carboni è uno sperimentatore, una sorta di demiurgo ben consapevole degli strumenti a sua disposizione. Per questo suo album conferiamo un 82/100. E ci aspettiamo ancora grandi cose da questo artista…

 

Related posts

Suggerimenti e consigli per la promozione della tua musica

Annita Corsato

Bruno Bavota in concerto al Bolivar

Mimmo Caiazza

Il musicista messicano Edo Sanz pubblica il disco per piano solo

Annita Corsato

Rispondi