12 Luglio 2020

SULPEZZO.it
Jazz_Sanders
appuntamenti eventi e società

Il grande Jazz arriva a Napoli

Se è vero che il jazz fa parte della colonna sonora della nostra vita, riprendendone l’imprevedibilità e la spasmodica alternanza di alti e bassi, allora non potete mancare al primo appuntamento con #cellarJazz di mercoledì 18 novembre col quartetto formato da quattro dei migliori talenti della loro generazione: Jure Pukl, Joe Sanders, Alessandro Lanzoni, Francesco Ciniglio, mentre ad aprire la serata ci sarà la musica di Gino Giovannelli Quartet.

Jure Pukl, sassofonista jazz di caratura internazionale, originario della slovenia ma residente nella Grande Mela, ha collaborato con Maceo Parker, Brandford Marsalis, Dave Liebman, Esperanza Spaulding, Vijay Iyer, Jeff “Tain” Watts; ha sette CD all’attivo come leader e più di quaranta come sideman.

Jazz_Jake_Pukl
Jake Pukl

In musica, Pukl combina le sue notevoli capacità, all’emozione e alla “fame di avventure”, elementi che hanno sempre alimentato l’evoluzione del jazz, sin dal principio: letteralmente, Jure Pukl è l’astro nascente di una nuova generazione di creativi che sta energicamente traghettando la musica jazz nel suo secondo secolo di vita.

Joe Sanders è un giovane contrabbassista che si è guadagnato un posto di riguardo nella scena jazz di New York. Musica di alta qualità la sua, con brani altrui ben selezionati, si accompagna solitamente con un trio di coetanei: da oltre due anni è infatti parte del quartetto di Charles Lloyd, con Gerald Clayton e Kendrick Scott.

Sanders è con tutta probabilità il contrabbassista più chiamato dell’intera scena jazz mondiale per il suo talento, lo stile unico e creativo, oltre ad una personalità magnetica. Sanders è un artista che porta fuoco e verve in ogni contesto musicale.

Alessandro Lanzoni, dopo l’assegnazione del “Top Jazz 2013” e molti altri premi e riconoscimenti all’estero, ha fatto già parlare di sé in tutto il mondo; nonostante la sua giovane età, si colloca ormai a pieno titolo fra gli artisti di maggiore personalità del jazz italiano, vantando anche prestigiose collaborazioni, con il meglio del jazz internazionale.

Jazz_Lanzoni
Alessandro Lanzoni, photo, Niko Giovanni Coniglio

Il suo ultimo disco “Seldom” sgombra il campo da qualsiasi dubbio, un lavoro complesso e affascinante, dove dimostra una forte maturità compositiva ed esecutiva, che lo rendono uno dei pianisti di punta nel panorama jazz.

Francesco Ciniglio, batterista di origine napoletana, con l’America nel cuore, vanta diverse importanti partecipazioni con John Patitucci, Fred Hersh, Sheila Jordan, Charles Altura, Dayna Stephens, Donny McCaslin, Scott Colley.

Un talento naturale, che ha iniziato a suonare la batteria a soli 6 anni: il suo percorso artistico comincia proprio qui, per poi culminare a New York dove si è formato con i migliori jazzisti. Oggi Francesco gira il mondo con la sua musica e il brio arlecchino della sua batteria.

Jazz_Ciniglio
Francesco Ciniglio

Related posts

Tony Cercola al Teatro Bolivar

Redazione

“Lettere a mia figlia”, alla Feltrinelli di Pomigliano d’Arco

Redazione

Il Moses celebra the Fun House Project

Redazione

Lascia un commento