SULPEZZO.it
interviste

Intervista al cantautore Italo Cileno Diego Rojas Chaigneau

Il brano “La tempesta” estratto dall’album “Sentieri” è una ballad rock impreziosita dalla chitarra elettrica di Tommaso Agnello e il basso di Alessandro Corsi. La canzone racconta le tempeste interiori da affrontare, i propri fantasmi o scheletri nell’armadio. Quando siamo nell’occhio del ciclone tendiamo per paura ad aggrapparci alla persona più vicina, spesso il nostro partner. 

Come descriveresti il tuo nuovo singolo in tre parole e perché?

Evocativo, introspettivo, energico..

Una ballad rock dolce e mordente, All’interno di una riflessione sulle proprie tempeste personali

Parliamo di questo brano “La tempesta”, come nasce?

Dalla voglia di mostrare quanto sia possibile risolvere le proprie tempeste da soli..

Sanando così i propri scheletri nell’armadio al posto di unirli insieme a quelli del/della partner…

Chi è l’autore della copertina?

Eva cividini, nome d’arte “evabbè “.

Una concept artist e grafic designer Milanese.

Per quale Big vorresti scrivere una canzone un giorno?

Fiorella Mannoia, Elisa, Giorgia, Cristiano de Andrè..

Poi in realtà un po’ chiunque… 🤣🤣

Quale consiglio daresti a chi, come te, intende intraprendere un percorso nel mondo della musica?

Anche se oggi la bravura e l’estro artistico sono molto meno importanti di altri aspetti per lavorare..

Anche se i contenuti quasi non esistono più…

Di non fermarsi comunque mai…

Di continuare a studiare, imparare, e affinare i propri talenti..di essere sempre curioso,

Il messaggio che vuoi portare con la tua musica?

Introspezione, energia, positività, ballo…

È difficile che scriva un brano senza affidargli un messaggio..

Il tentativo di un aiuto nella scoperta di se stessi, e della forza dirompente che abbiamo anche se non ne siamo coscienti…

Related posts

Intervista alla band La Tempesta Gentile

valentina

Quattro chiacchiere con il cantautore Federico Di Battista

valentina

Federica Vecchione: dal cinema al teatro intervistando nomi dai grandi set

Francesco Russo

Lascia un commento