SULPEZZO.it
Francesca-Bergesio-e-Miriam-Tirinzoni-
interviste

Intervista a Miriam Tirinzoni di MT Fashion Brand

Miss-Italia-Francesca-Bergesio-png
Miss-Italia-Francesca-Bergesio-png

Miriam Tirinzoni, nativa della Valtellina, è una donna intraprendente e determinata, caratteristica delle persone cresciute in montagna. Laureata in Economia Politica, ha accumulato diverse esperienze manageriali e ha fondato MT CONSULTING SRL, azienda attiva nel fund raising e nella gestione dei rapporti con enti pubblici per ottenere agevolazioni e incentivi, collaborando con istituzioni come la Regione Lombardia e i Ministeri. Successivamente, ha avviato ENERGIE ALTERNATIVE ITALIA SRL, un’Esco focalizzata sulla promozione del risparmio energetico. Nel 2020, ha lanciato con successo il suo brand di moda MT Fashion.

Miriam Tirinzoni ha dimostrato la sua abilità nell’imprenditoria e nella consulenza, consolidando il suo ruolo nel settore della moda. Nel 2021, ha vestito Manuela Arcuri sul red carpet di Venezia78 con un abito bianco e nero che ha ricevuto molte recensioni positive. Nel 2022, ha vestito anche Delia Duran per la registrazione presso la trasmissione “Verissimo”. Sempre nel 2022, la Velina russa Vera Atiuskina ha scelto un outfit e una borsa di Miriam Tirinzoni. Durante EXPO Dubai 2022, ha ricevuto la menzione come “Stilista Rivelazione 2021″. Nel luglio del 2022, è stata insignita del Premio Accademico d’Onore Cartagine presso la Sala Protomoteca del Campidoglio a Roma dall’Associazione Cartagine.

Noi siamo andati ad intervistarla

Come è nata l’ispirazione di collaborare con Francesca Bergesio per una sfilata di MT Fashion, e
quali elementi della sua personalità hanno catturato la sua attenzione?                                                           Sono stata contattata da un gruppo di amici dell’associazione dei Gourmet piemontesi che
volevano organizzare un pranzo gourmet con una sfilata di moda: allora si è pensato
subito di immaginare un pranzo elegante con una Madrina e in quel periodo (ottobre del
2023) Francesca Bergesio era Miss Piemonte, già finalista a Miss Italia. Chi meglio di lei
avrebbe potuto rappresentante il Piemonte ad un evento gourmet con abiti haute coute?
Ho da subito compreso la perspicacia della ragazza quando le ho proposto di partecipare
come Madrina al nostro Pranzo Piemonte, dove di fatto io mi sono dovuta occupare dalla
parte glamour e facendo una ricerca su internet ho subito pensato a Francesca Bergesio.
Con la sua presenza l’atmosfera è subito diventata elegante e sofisticata.

Nel capitolo più affascinante di questa storia, l’incontro con Francesca ha segnato un punto di
svolta. Come ha influenzato la sua visione per la sfilata e la collaborazione in generale?                       Parlando con Francesca e con la madre durante il nostro Pranzo Piemontese ho subito
capito quanto fosse nata una connessione umana basata sulla stima, la cultura, la
simpatia. Io ho lanciato un Brand di Moda con abiti esclusivi realizzati artigianalmente in
pezzi unici e per me l’eleganza è un legame profondo ed un  significativo che va oltre la
superficie delle relazioni quotidiane e dell’aspetto fisico. Mi definiscono una persona per
bene, di sani principi che da tanta importanza anche alle connessioni umane, quelle vere e
sincere, basate su qualcosa di profondo e non sull’opportunismo del momento: questi
principi li ho visti anche in Francesca e nella madre. Ecco perché siamo subito entrate in
feeling instaurando una comprensione reciproca ed un buon dialogo.
Alla base di questa connessione ho visto una stima: che si sviluppa attraverso un
riconoscimento genuino delle qualità e delle virtù di Francesca, supportata anche da un
buon livello culturale. E proprio la condivisione di interessi culturali crea un legame ancor
più forte. La comprensione e l’apprezzamento delle sfumature culturali dell’altro
contribuiscono a un senso di connessione più profondo e alla condivisione di esperienze
che arricchiscono entrambe le persone coinvolte. Abbiamo lavorato insieme tutto il giorno,
organizzato uno shooting ed una sfilata e sono uscite delle fotografie bellissime, complice
la presenza dei fratelli Trezzi che hanno reso ogni attimo un capolavoro della giornata.

MT Fashion ha conquistato il palcoscenico con Miss Italia Francesca Bergesio. Qual è stata la
reazione del pubblico e come ritiene che questa collaborazione abbia contribuito alla posizione del
brand nel panorama della moda?                                                                                                                                     Il pubblico presente era stato invitato ad una sfilata di Alta Moda in un Evento Gourmet di
elevato livello dove l’eleganza degli abiti del Brand di mota MTFashionBrand si fonde in
armonia con un evento gourmet di altissimo livello. Nessuno sapeva che ci sarebbe stata la Presenza di Miss Piemonte ora Miss Italia ma subito si è creata un’atmosfera carica di fascino e sofisticazione, unendo il meglio della moda e della gastronomia in un’esperienza indimenticabile, con il tocco glamour di Miss Italia all’ora Miss Piemonte Francesca Bergesio. Il pubblico ha recepito molto bene il messaggio che volevamo dare con questo evento è legato soprattutto alla valorizzazione del Made in Italy. Noi italiani siamo noti nel mondo per essere molto legati alle nostre tradizioni, al mangiar bene, soprattutto noi che veniamo dai paesini di montagna. Volevamo regalare a tutti gli ospiti presenti un’esperienza unica, ovvero la sfilata di moda e l’evento gourmet che si  fondono in modo armonioso, creando un’;esperienza multisensoriale senza precedenti. La moda e la gastronomia si influenzano reciprocamente, con gli abiti che riflettono la raffinatezza dei piatti serviti e viceversa. Ogni ospite diventa parte integrante di questa sinergia, immergendosi in un mondo di estetica e delizie culinarie. Mentre tutti i presenti degustavano l’aperitivo con il vino strepitoso proveniente dall’alta Langa, avevano occhi sono rapiti dalle opere d’arte indossate dalle modelle, e così i partecipanti sono rimasti avvolti dai profumi invitanti provenienti dalla zona gourmet. Chef rinomati hanno preparato un menu straordinario, che celebra sapori sofisticati e presentazioni culinarie impeccabili proprio evocando le tradizioni piemontesi. Dalle delicate portate di antipasti alle creazioni gastronomiche più complesse, ogni piatto è stata una sinfonia di gusto, accompagnato dai vini pregiati de La Morra e dal nobile barolo. La reazione del pubblico è stata ottima in quanto con la conclusione della sfilata, gli ospiti hanno lasciano la location con cuori colmi di ispirazione e palati soddisfatti: questo evento ha fatto molto parlare lasciando un’impronta indelebile, unendo la moda e la gastronomia in una celebrazione di stile, gusto e raffinatezza, tipiche del Made in Italy e tutto questo è possibile e realizzabile solo in Italia.

La moda può essere un potente veicolo per esprimere la cultura e la bellezza di un paese. Come ha
affrontato questa sfida nella collaborazione con Miss Italia e quali sono i messaggi che volevate
comunicare?                                                                                                                                                           Benvenuti nell’eleganza in movimento, dove la passerella diventa un palcoscenico per storie di stile e audacia. Preparatevi a essere trasportati in un viaggio attraverso il mondo della moda, dove ogni abito è una pagina del nostro libro di creatività. Con la moda noi artisti siamo pronti a svelare una collezione che va oltre l’ordinario, una sinfonia di tessuti lussuosi, tagli avveniristici e dettagli intricati. La sfilata presso il pranzo Piemonte non è stato solo uno spettacolo visivo, ma un’esperienza sensoriale che cattura l’essenza della moda come forma d’arte e questo è il messaggio che abbiamo voluto lanciare quel giorno. Abbiamo voluto far sognare tutti i presenti e detto loro “Immergetevi nella magia di colori che danzano insieme, tessuti che accarezzano la pelle con delicatezza e silhouette che raccontano storie di forza e femminilità. La nostra sfilata non è solo un’occasione per mostrare abiti straordinari, ma un momento per celebrare la l’unicità di ogni individuo e la bellezza che si trova nella varietà di stili” Inoltre siamo stati proposti anche in un pranzo piemontese e quindi sono andate in scena tutte le prelibatezze del nostro paese e soprattutto della Regione Piemonte, dai vini (Barolo e Alta Langa) ai piatti tipici della regione ed il tutto per celebrare in un’aurea di stile e di eleganza il meglio del made in Italy. Abbiamo invitato il pubblico nell’unirsi a noi mentre la passerella si trasformava in un percorso di esplorazione, dove l’arte si fondeva con la moda e la moda si fondeva con la vita, alzando i calici al cielo e brindando alla vita. Ogni modella che cammina era una musa moderna, un’incarnazione di eleganza e individualità, portando con sé il messaggio che la moda è più di quanto si vede – è un mezzo per esprimere chi siamo e chi vogliamo diventare e soprattutto Miriam Tirinzoni ha ricordati ai presenti di ringraziare ogni giorno Dio Padre per tutti i doni del creato e per la possibilità di poterne beneficiare nello stare insieme.

Oltre alla sfilata, MT Fashion offre un’esperienza personalizzata attraverso abiti su misura e
accessori unici. Come riesce a tradurre la personalità di ogni donna in un capo di moda?           Personalmente auguro ad ogni donna di entrare nel regno della personalizzazione artigianale, dove ogni ago e filo sono intrisi di creatività e dedizione. Il lavoro sartoriale è più di un artigianato artistico; è un talento della moda, trasformando tessuti in capolavori su misura che si fondono perfettamente con la personalità unica di ogni donna. Immaginare il tuo capo d’alta moda come un foglio bianco, pronto a diventare una tela vivente, immergendosi nella visione più assoluta di quello che sarà, ascoltando le tue preferenze ed accarezzando i tuoi sogni più profondi. Ogni cucitura è un racconto che si svela, un dettaglio che si connette alla tua storia. I tessuti più pregiati sono selezionati con cura, toccati con rispetto e manipolati con maestria. Il nostro lavoro consiste nel personalizzare ogni dettaglio, dalla scelta dei bottoni alle cuciture nascoste, creando un’opera d’arte che si adatta perfettamente alle tue curve e che ti abbraccia con l’eleganza su misura. La magia inizia quando lo stilista pensa con destrezza, prende le misure con precisione millimetrica. Ogni taglio è studiato, ogni piega è deliberata. Il tuo capo prende forma sotto le sue mani esperte, diventando un’estensione di te stesso. Il processo è un balletto di creatività e abilità artigianale, dove ogni gesto è intriso di passione e attenzione al dettaglio. Le prove diventano un rito di passaggio, un momento in cui il sarto si assicura che ogni piega e ogni punto siano in perfetta armonia con la tua figura. Non è solo un abito, è una seconda pelle che riflette il tuo spirito e la tua unicità. Quando finalmente ti presentano il capo personalizzato, è come svelare un tesoro. Indossarlo è un’esperienza che va oltre il semplice vestirsi; è un atto di espressione di sé, un’affermazione della tua individualità. Grazie al tocco magico del nostro sarto, il tuo capo d’alta moda non è solo un indumento, ma un racconto su misura della tua eleganza.

Quali sono le sfide e le aspirazioni future per MT Fashion? Come prevede di rimanere all’avanguardia
nel sempre-evolvibile mondo della moda?                                                                                                                     Il futuro è nelle mani di chi sprigiona idee, quindi di chi crea, di chi ha entusiasmo e di chi innova. A mio parere questo è il mondo in cui la moda diventa un veicolo per esprimere non solo il tuo stile, ma anche i tuoi valori e la tua connessione con il mondo che ti circonda. I nostri design futuristici sono ispirati da tecnologie all’avanguardia e materiali sostenibili, creando capi che non solo ti fanno sentire incredibilmente chic ed unica, ma anche parte di una rivoluzione per un pianeta più verde. Ogni pezzo è più di un semplice indumento, è un’ esperienza sensoriale che abbraccia la tua individualità e il tuo impegno per un futuro migliore. Le nostre collezioni del futuro saranno caratterizzate da linee sempre glamour, tessuti innovativi e colori audaci che trasmetteranno una dichiarazione di fiducia nel cambiamento. Immagina di indossare abiti che sono più di semplici tendenze, sono dichiarazioni di sostenibilità, inclusività e consapevolezza sociale. Pensiamo alla valorizzazione dell’artigianalità ed alla riscoperta del piccolo ma bello, abbandonando le produzioni di massa a favore di nuovi capi, unici, studiati e sempre più ricercati.

Guardando al passato e al presente, cosa considera come uno dei momenti più significativi nella sua
carriera imprenditoriale nel settore della moda?                                                                                                       Per me ogni sfilata è sempre un’emozione: ne ricordo una in particolare quella di Novembre del 2021 (era la mia seconda sfilata) al Fairmont di Dubai, durante EXPO: la sfilata è un caleidoscopio di colori, tessuti maestosi e design avanguardistici, una celebrazione della diversità che ha caratterizza Expo Dubai. Ogni modello che sfila è un ambasciatore di stile, indossando creazioni straordinarie che fondono tradizione e
modernità in un abbraccio audace. Le luci del tramonto danzano sullo skyline futuristico mentre la sfilata prendeva vita, trasformando Expo Dubai in una passerella cosmopolita. Le creazioni esclusive di MT Fashion Brand scorrevano lungo la piscina del Faimont al 25 piano, creando un mosaico di moda che parla il linguaggio universale dell’eleganza. La musica avvolgeva l’aria mentre i modelli attraversano la passerella con grinta e sicurezza, incarnando lo spirito di innovazione di Expo Dubai. Il pubblico era una fusione di appassionati di moda, creativi e icone di stile provenienti da tutto il mondo, tutti riuniti per assistere a questo spettacolo unico. La sfilata a Expo Dubai non è solo un evento di moda, ma una celebrazione dello spirito globale, una dichiarazione di unità attraverso la creatività. Tuttavia per me ogni sfilata è un momento importante soprattutto quando vedo il pubblico che osservano i tessuti, i colori ed i disegni esclama WOW……… in quel momento li capisco di aver lavorato bene.

 

 

Related posts

Straid e la sua “Rivalmare” che racconta di ricordi e cicatrici

valentina

Chiara Taigi su RAI3 racconta di Renata Tebaldi – Programma Illuminate – 12 Ottobre ore 23:15

Emmeffe si racconta…

Cirillo

Lascia un commento