SULPEZZO.it
politica

Ilaria Salis dal carcere in Ungheria all’Europarlamento, la sua rivincita.

Dopo aver trascorso 16 mesi in carcere in Ungheria e 20 giorni ai domiciliari, #IlariaSalis è appena arrivata nella casa dei suoi genitori a Monza, dopo aver fatto in auto il viaggio da Budapest con il padre

Il caso di Ilaria Salis è finito all’attenzione del governo italiano dopo le immagini choc del processo a suo carico a Budapest: in aula in catene, mani e piedi legati davanti alle telecamere.

Il suo nome e il suo volto hanno fatto il giro delle cronache durante il processo a suo carico a Budapest, dopo essere stata arrestata in Ungheria con l’accusa di aver partecipato all’aggressione di alcuni neonazisti durante la manifestazione del Giorno dell’onore nella capitale ungherese.

In aula, nel 2024, è entrata scorta dalle forze di sicurezza e in catene, mani e piedi legati, “trattata come un animale” ha dichiarato suo padre.

La storia di Ilaria Salis, la donna che a 39 anni è stata arrestata in Ungheria e mandata a processo con un’accusa per cui la Procura a Budapest avrebbe chiesto 11 anni di carcere: chi è e cosa è successo prima che arrivasse in tribunale.

“Facciamo i festeggiamenti del suo compleanno a casa, vado a prenderla e me la porto a casa io”, lo aveva detto venerdì il padre della neo eurodeputata Roberto Salis alla notizia della sua liberazione. Ilaria Salis torna così sabato pomeriggio in Italia dopo circa sedici mesi di detenzione in Ungheria. Lunedì festeggerà il suo quarantesimo compleanno con la famiglia.

L’insegnante italiana è stata eletta al Parlamento europeo con Alleanza Verdi Sinistra. Più di 165mila persone hanno scritto Salis sulla scheda elettorale in Lombardia, Liguria, Valle d’Aosta e Piemonte. Subito dopo la notizia dell’elezione, l’avvocato Gyorgy Magyar aveva depositato richiesta di scarcerazione in virtù del principio di immunità parlamentare per gli eletti all’Eurocamera.

Cosa era successo a Ilaria Salis

Il caso di Salis è scoppiato nei mesi scorsi dopo che la 40enne italiana è comparsa ammanettata e con le catene in tribunale. L’insegnante era stata arrestata nel febbraio del 2023, perché accusata di aver aggredito manifestanti di estrema destra durante un raduno neonazista a Budapest.Dopo diversi mesi di polemiche, anche tra opposizioni e governo Meloni, il giudice Jozsef Sos venerdì le ha concesso l’immunità e ha sospeso il processo a suo carico, con la conseguente rimozione del braccialetto elettronico che aveva dal 23 maggio, quando ha lasciato il carcere per andare ai domiciliari. che ha lasciato da poco ed è tornata nella casa natale a Monza, vista la sua elezione ad europarlamentare.

Related posts

Vertenza Ericsson, Palmeri: “Non deve calare il sipario.”

Redazione

Derivati, avviata procedura comparativa pubblica

redazione

Next genertation 2016 @giffoniexperience

Redazione

Lascia un commento