27 Giugno 2019

SULPEZZO.it
comunicati stampa eventi e società musica

Il concerto di Alireza Ghorbani “Lost in Love… Persian love songs”, che prende il titolo dal suo album del 2015, ha fatto scalpore alla chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia

Per la rassegna “SACRO SUD – Anime Salve”, affidata alla direzione artistica di Enzo Avitabile, si è svolto ieri, venerdì 28 dicembre, presso la chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia, il concerto  dell’iraniano Alireza Ghorbani intitolatoLost in Love… Persian love songs”.

Dopo aver superato brillantemente i precedenti appuntamenti in programma per la rassegna “SACRO SUD – Anime Salve”, affidata alla direzione artistica di Enzo Avitabile, con testimonianza, compartecipazione e vicinanza, la nostra città ha dimostrato quest’anno la validità di un Natale che raggiunga anche quelle zone, solitamente “marginali”, rendendole protagoniste del ciclo della rassegna.
Sulla stessa lunghezza d’onda, ieri l’artista Alireza Ghorbani ci ha regalato uno strepitoso e coinvolgente concerto, con grande successo di pubblico.

Ad introdurre l’artista iraniano, amato ed acclamato assieme alla sua band,  è stato il giornalista di lunga militanza nella musica mondiale Ciro Derosa, che ha avuto sentite parole di stima e di elogio per l’ospite internazionale.

Ad accompagnare la sua voce, sul palco si sono esibiti:  Saman Samimi, Kamancheh, Milad Mohammadi e Zakariya Yousefi, grazie ai quali il pubblico ha potuto ascoltare le meravigliose musiche ed una selezione di canti classici iraniani, presentati con un interpretazione talmente carica di suggestioni, da catturare l’attenzione della platea in sala con la sua grande dote comunicativa.

La rassegna rientra nel più ampio progetto “Musica del Sud: identità e rivoluzione”, ideato e curato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e finanziato dalla Regione Campania a valere sul Programma operativo complementare (POC) 2014-2020 – piano strategico regionale per la cultura e i beni culturali- programmazione 2018.
Realizzata grazie anche al prezioso lavoro di “Black Tarantella”, ed affidata alla collaudata efficienza della “xeventi&Communications” per la comunicazione, la rassegna si chiuderà Domenica 6 gennaio 2019 con il concerto del direttore Enzo Avitabile intitolato appunto “Sacro Sud” ed in programma presso la chiesa di S. Maria di Costantinopoli (Cappella Cangiani) alle ore 21:00.

Related posts

CONVEGNO INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA

redazione

Un rombo di motori per ricordare la vittima innocente di criminalità

Redazione

Alla Fiera della Casa si pensa… alla Salute: il 1 luglio giornata di prevenzione e visite gratuite 

Redazione

Rispondi