18 Ottobre 2019

SULPEZZO.it
appuntamenti comunicati stampa eventi e società teatro

Il Bus Theater apre i corsi a Piazza Vittoria

Da domani giovedì 20 dicembre 2018, per la rassegna “Classico Napoletano” affidata alla direzione artistica di Yolanda Schioppi, con le messe in scena (e le messe in moto) del “Bus Theater” parte la corriera del teatro itinerante a Napoli.

Nell’ambito di “Classico Napoletano”, prende il via la rassegna itinerante intitolata “Bus Theater”, una linea tutta speciale che per 15 giorni (escluse le chiusure del 25 e 26 dicembre) proporrà una serie di spettacoli e concertini, tutti messi in scena all’interno dell’autobus a due piani, per l’occasione trasformato in un piccolo teatro viaggiante per un numero limitato di passeggeri-pubblico a tappa.
Affidata alla direzione artistica di Yolanda Schioppi, la rassegna “Classico Napoletano” rientra nel più ampio progetto “Musica del Sud: identità e rivoluzione”, ideato e curato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e finanziato dalla Regione Campania a valere sul Programma operativo complementare (POC) 2014-2020 – piano strategico regionale per la cultura e i beni culturali- programmazione 2018.

Il programma dell’evento prevede:

9 giorni dello spettacolo BUS’ROOMS nel quale, per ogni giornata di spettacolo, saranno realizzate 4 repliche in orari da stabilire per una capienza di 60 spettatori al giorno.

3 giorni di CONCERTI nella sala superiore del Bus, per una capienza di 25 persone a concerto.

BUS’ROOMS

Accompagnati da una sorta di Caronte dei luna park, padrone di casa o maggiordomo, o spirito della casa, i 15 spettatori, si ritrovano ospiti di una vecchia casa/teatro, di cui a poco a poco scoprono le stanze e gli spiriti che la abitano. In ogni stanza vive un personaggio che ci presenta una microstoria con un vero e proprio numero. Come nel libro di Alice del paese delle meraviglie, in questa casa deformata tutto è troppo piccolo e nello stesso tempo grande poiché negli spazi angusti ogni dettaglio diventa enorme, visibile, significante. Si compie così un viaggio per pochi intimi fra le reliquie di un amore perduto, le illusioni di un prestigiatore ubriaco, letture di tarocchi che suonano come parole del destino per l’ospite prescelto e una continua beffarda ed ironica presenza della morte.

Uno spettacolo di teatro, musica, illusionismo, teatro di figura

Fascia di età a partire dai 6 anni – Durata: 35 minuti – Spettatori: 15 circa e replica.

 CONCERTI CAFE’ CHANTANT

Il teatro viaggiante si trasforma si trasforma in un piccolo Cafè-chantant.
Proprio come nella più classica tradizione napoletana, il teatro diventa una piccola sala concerti dedicata alla tradizione musicale napoletana reinterpretata e riarrangiata da musiciste donne, sulla scia dell’immaginario delle sciantose dei teatri-caffè chantate.

Uno spettacolo di musica dal vivo dalla durata di 30 minuti, adatto a tutte le età.
La rassegna è stata realizzata grazie anche al prezioso lavoro di “OP Eventi”, ed è affidata alla dinamica esperienza della“xeventi&Communications” per la comunicazione.

Related posts

Buccirosso: “Mi piacerebbe portare sfiga ma non sono scaramantico”

Luca Clemente

Paky G. canta il suo ‘rione’: “Tra paura e pericolo, vivere in periferia è una lotta continua”

Redazione

Campania, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nomina l’assessore Sonia Palmeri Cavaliere della Repubblica

Redazione

Rispondi