23 Marzo 2019

SULPEZZO.it
interviste musica

Giuseppe Russo, un pianista cantautore che ha tanto da raccontare

Lui Giuseppe Russo, giovanissimo pianista e cantautore campano, in questi giorni  fuori con il suo terzo singolo “Raccontami”https://www.youtube.com/watch?v=G3ANSdHndSQ ( video prodotto dalla NoMods Film che è già arrivato a quota 30mila visualizzaioni). Il brano, disponibile su Spotify (https://open.spotify.com/track/1d0MjkicKZHsrgQkMXLlu6?si=rZ_mNEpGTcaY_–glJG4fw)  prodotto dal chitarrista Sebastiano Esposito che ne ha curato gli arrangiamenti è una canzone fresca che parla d’amore, senza orpelli, con la naturalezza e spensieratezza tipicamente giovanile, senza sovrastrutture, un brano che si fa cantare e infonde ottimismo e buon umore. Fruibile, il ritornello entra subito e si lascia cantare con semplicità, diventando così un brano-tormentone,  non di quelli struggenti e strappalacrime, ma un nuovo manifesto di un amore che va vissuto con il sorriso sulle labbra, che sa di giornate trascorse mano nella mano, alla ricerca di nuove avventure da condividere. Giuseppe Russo, forte dell’insegnamento dei grandi maestri della canzone d’autore contemporanea napoletana come Pino Daniele, Nino Buonocore, Eduardo De Crescenzo, sa incastrare frasi in italiano con quelle in napoletano, in armonia perfetta, che costruiscono la poesia dei suoi brani. Abbiamo incontrato Giuseppe Russo che ci ha raccontato un po’ del suo universo musicale

Partiamo da “Raccontami” e ricordiamo le tue radici musicali. Quando hai iniziato a fare musica? Chi sono i maestri ai quali fai riferimento?

Mi sono avvicinato alla musica all’età di 3 anni e soprattutto per gioco, iniziando a strimpellare sui tasti di una vecchia tastiera (Farfisa) regalatemi da mio nonno. I maestri ai quali mi sono avvicinato per imitazione sono gli stessi che ancora oggi hanno tanto da insegnarmi. (Carosone, Daniele, De Crescenzo)

Sei un pianista e cantautore e possiamo dire che da poco ti stai affacciando nel mondo della canzone facendo conoscere il tuo modo di fare musica. Quali sono, se ci sono gli ostacoli che un giovane musicista trova per proporre il suo lavoro?

Questo è tutto un percorso ad ostacoli. Ogni giorno la priorità è sfidare se stessi, non essendoci regole precise si è sempre messi alla prova, alla ricerca e al raggiungimento di nuovi obiettivi.

Raccontami è il tuo ultimo brano, ma prima ci sono altri due singoli con relativi videoclip. Ci puoi raccontare un ricordo particolare, un aneddoto legato ad ogni singolo o alla realizzazione del videoclip?

Beh per esempio della realizzazione di “a fianco a te” essendo il mio primo singolo ne ricordo perfettamente l’emozione nel momento in cui dopo aver registrato più tracce di voce mi soffermai subito su una e girandomi e vedendo anche Sebastiano sorridere mentre la riascoltavamo, non riuscimmo a dire altro che: “eccola, è lei”

Siamo alle porte della manifestazione musicale più importante per il nostro Paese: Sanremo. La seguirai? Cosa pensi della direzione artistica di Baglioni?

Personalmente non sono uno di quelli innamoratissimi di Sanremo, sicuramente sarà l’evento musicale più atteso nel nostro paese e sarebbe da ipocrita dire che non mi informi, ma la cosa non mi entusiasma. Baglioni è un grande artista ma come presentatore mi stanca.

Related posts

5.55am: il debut album di Guglielmo

Annita Corsato

Alla Chiesa di Santa Maria Donnaregina Nuova il concerto del Ernst Reijseger & Giovanni Sollima “Cello Duo”

ANGELA ANDOLFO

Kory Walt Blek: è uscito il nuovo album “Moon”

Giuseppe Cirillo

Rispondi