29 Maggio 2020

SULPEZZO.it
cultura

#GiffoniaUnMetrodaTe: è importante che i ragazzi socializzino anche a distanza

COVID-19, SIBILIA A #GiffoniAUnMetroDaTe: “GLI ITALIANI HANNO RISPETTATO LE REGOLE.

IL LORO SFORZO HA SALVATO CENTOVENTIMILA VITE DAL CONTAGIO”

Confronto tra il direttore Gubitosi ed il Sottosegretario all’Interno: “Potenziamo le reti per permettere ai ragazzi di socializzare in questa fase così difficile. Il mio grazie alle forze dell’ordine per il lavoro svolto”

«La stragrande maggioranza degli italiani ha rispettato le regole con grandissimo senso di responsabilità. E’ stato ed è tuttora un sacrificio, ma uno sforzo non inutile perché ha salvato la vita ad un numero di cittadini italiani che va dai 50mila ai 120mila. E questo ci rende davvero felici».

Lo ha dichiarato Carlo Sibilia, Sottosegretario di Stato all’Interno nel corso del talk con Claudio Gubitosi, direttore di Giffoni Opportunity, che si inserisce tra le attività della campagna #GiffoniaUnMetrodaTe, ideata per questa fase di emergenza, un contenitore di idee e di incontri che sta ottenendo un importante riscontro in termini di partecipazione e di visualizzazioni.

Quello degli italiani è un sacrificio non inutile. Come non lo è stato quello dei bambini e dei ragazzi sui quali le nuove regole legate al contrasto al Covid-19 hanno probabilmente impattato ancor più che sulle altre fasce della popolazione.

E’ a loro che Carlo Sibilia fa appello per un ulteriore sforzo da compiere fino all’avvio effettivo della cosiddetta fase 2: «Vi invito a tenere duro – ha detto rivolgendosi ai più giovani – a continuare a coltivare le vostre passioni come avete fatto in questi lunghi quarantacinque giorni. E’ un sacrificio quello che state facendo. Con i mezzi di cui disponiamo, con le dirette e con il digitale, con quegli strumenti che voi sapete utilizzare così bene, con la cultura e l’arte con cui state riempiendo le vostre giornate, sono certo che usciremo ancora più forti da questa fase così complicata. Molte delle attività che vedono impegnati i giovani in questo periodo si svolgono in rete. La scuola è in rete oggi. Ecco perché stiamo lavorando proprio per ampliare le potenze di rete: internet è uno dei canali più importanti per la socializzazione in questi tempi così fuori dal nomale».

Il pensiero del direttore Claudio Gubitosi è andato ai sindaci che oggi si trovano a fronteggiare l’emergenza, un avamposto dello Stato, il front office delle comunità. Su questo il Sottosegretario Sibilia si è trovato concorde nel riconoscere il ruolo svolto dalle istituzioni locali: «Il Ministero dell’Interno – ha aggiunto – è a disposizione dei sindaci. Vogliamo essere un loro interlocutore vicino e diretto. Siamo a loro totale servizio, oltre al ruolo che le Prefetture italiane stanno svolgendo con un impegno davvero encomiabile. Stiamo dando il nostro sostegno ai sindaci in maniera concreta, attraverso tutte le risorse che siamo riusciti ad intercettare. Abbiamo messo a disposizione dei Comuni quattrocento milioni di euro per la prima fase dell’emergenza, per le necessità primarie».

L’Italia ha risposto bene secondo Sibilia alle regole imposte dal momento, alla necessità del distanziamento sociale, all’obbligo di stare a casa come unico strumento per contenere il contagio: «Inizialmente – ha continuato il Sottosegretario all’Interno – tante altre Nazioni dicevano che non avrebbero introdotto le regole italiane. Oggi, invece, si ritrovano tutti sul nostro modello e stanno attingendo alle modalità che noi abbiamo introdotto per rispondere a questa emergenza. In questo momento mi piace sottolineare il ruolo importantissimo svolto dalle nostre forze dell’ordine, dai nostri carabinieri, dai nostri poliziotti, dai nostri vigili del fuoco. Si è creato con i cittadini un legame viscerale. Oggi si è capito veramente il ruolo che svolgono, quello di metterci in sicurezza, di proteggerci, anche dai nemici invisibili. In Italia si sono verificate in questi giorni situazioni eccezionali. I nostri uomini si sono messi al servizio degli italiani, senza tirarsi mai indietro, mettendo a rischio la propria vita. E oggi ricordiamo i tanti rappresentanti delle forze dell’ordine che in seguito a questa emergenza hanno perso la vita».

Ora è tempo di pensare al dopo, a quello che sarà, a quello che succederà dopo l’emergenza, nella cosiddetta fase 2: «In questi giorni ha trovato concretizzazione il bonus per le partite Iva, per gli autonomi. Non era mai successo in Italia che in quindici giorni si emanasse un decreto, si svolgesse la procedura e si liquidassero milioni di istanze. Ringrazio l’Inps per il lavoro svolto. Ora stiamo lavorando ad un bazooka economico che vale 750 miliardi di euro e questo deve aiutare le persone a tranquillizzarsi, in particolare le piccole e medie imprese, quelle che vivono sul territorio e che più di altri stanno patendo questo momento».

Related posts

Fondazione Isaia-Pepillo: al via la ricerca storica sugli antichi mestieri

Tania Sabatino

Domani, martedì 28 gennaio, presentazione romana del libro La pizza è pizza di Alessandro Ippolito

Tania Sabatino

“METODO CATEMARIO” UN METODO ALL’AVANGUARDIA

ANGELA ANDOLFO

Lascia un commento