SULPEZZO.it
cinema

Fotografia di Saurino splendido attore Italiano

Gianmarco Saurino interpreta Luca in Maschile Plurale, sequel di Maschile Singolare (disponibile dal 20 giugno su Prime Video). A Fanpage.it racconta il suo modo di esporsi su temi politici, parla dell’ultimo film e dei commenti dopo la sua partecipazione al Pride: “Mi chiedevano se avessi fatto finalmente coming out. Saranno anche fatti miei? Il mio orientamento sessuale non dovrebbe interessare a nessuno”.

continua su: https://www.fanpage.it/spettacolo/interviste/gianmarco-saurino-mi-chiedono-se-sono-gay-io-sex-symbol-mai-usato-la-bellezza-come-unarma

“Fidati di me”, sarebbe questo il titolo che Gianmarco Saurino darebbe al capitolo della sua vita in questo momento. “Ha a che fare con il lavoro che sto facendo su me stesso – spiega a Fanpage.it – Passiamo il tempo a cercare di essere abbastanza per gli altri ma siamo già perfetti così come siamo”. L’attore è nato a Foggia nel ’92, una città che gli ha regalato “la fame” di fare nonostante sia un posto in cui dire di voler intraprendere questo mestiere “è come dire di voler diventare un astronauta”. Saurino non hai mai indossato i panni di un viaggiatore dello spazio ma di medico (Lorenzo Lazzarini in Doc), di prete (Nicola in L’estate più calda) e dal 20 giugno è Luca in Maschile Plurale – sequel di Maschile Singolare – disponibile su Prime Video. Il filo rosso che collega i suoi ruoli è l’amore: “Per me si tratta di una pratica quotidiana, una cosa che va fatta in maniera ripetitiva. Ascolta gli altri, stai con gli altri, renditi disponibile”. Nell’intervista racconta il suo modo di esporsi su temi politici, parla dell’ultimo film e dei commenti dopo la sua partecipazione al Pride: “Mi chiedevano se avessi fatto finalmente coming out. Saranno anche fatti miei? Il mio orientamento sessuale non dovrebbe interessare a nessuno”. L’attore italiano famoso sia per Doc che per Che Dio ci aiuti ci mette poco a mettersi a nudo. La notorietà della star italiana non si basa sul suo orientamento sessuale ma sulla bravura dimostrata in recitazione e nelle varie interpretazioni dei suoi personaggi. Il ruolo in Doc Nelle tue mani lo ha portato sul blu carpet del Giffoni film Festival  52, ma questo attore è  una star che secondo questa testata porterà l’Italia a vincere premi interessanti e importanti, poiché riesce a far sembrare il suo personaggio una persona vera e con il suo fascino buca lo scherno.

 

 

Related posts

La paura siCura: venerdì 31 gennaio alle 20.30 Vacis guida alla scoperta di storie di timore e coraggio

Redazione

Il cinema come preghiera: all’Astra il viaggio esistenziale di Andrej A. Tarkovskij

Redazione

Vanessa Scalera racconta i suoi prossimi progetti ai tanti operatori dell’informazione e ai giurati della cinquantatreesima edizione del festival

Paolo De Leo

Lascia un commento