12 Giugno 2021

SULPEZZO.it
appuntamenti teatro

Fenesta Vascia di Pasquale Scialò al Bellini: pienone per la terza giornata del Lezioni di Storia Festival

Fenesta Vascia, la storia attraverso le canzoni napoletane

Stasera lezione – spettacolo di Pasquale Scialò al Bellini

Continuano con gli appuntamenti di Lezioni di Storia Festival 2020. Tantissimo pubblico,  boom di presenze e prenotazioni, in un clima di partecipazione e interesse.

Il Festival, ideato dall’Editore Laterza con la Regione Campania,  è organizzato dall’Associazione “A voce alta” e dalla Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini in collaborazione con la SCABEC che ne cura anche la promozione e la comunicazione.

Pienone per gli incontri della terza giornata di oggi, sabato 29 febbraio, tra i quali quello con Simona Colarizi ed Eva Cantarella che hanno ripercorso i sentieri del potere delle donne dall’antichità fino ai giorni nostri; la lezione di Luigi Mascigli Migliorini su Hernan Cortés,  il grande conquistatore del Nuovo Mondo; l’incontro con Giovanni Vecchi che ha provocato riflessioni a catena sulla storia economica del nostro Paese e con Andrea Giardina che ha introdotto il pubblico alla storia degli antichi Romani, tra passato e presente, per riflettere sul razzismo.

Stasera,  l’appuntamento è al Teatro Bellini, alle ore 21.00, con  l’attesissima lezione-spettacolo di Pasquale Scialò dal titolo “Fenesta vascia. Canzoni napoletane tra strade e salotti”. 

Un’affascinante percorso di sonorità e parole nel quale Pasquale Scialò alterna momenti esplicativi della storia della città con interventi critici, proiezioni di immagini e documenti, arricchiti da contributi musicali e accompagnati dalla lettura di brevi passi epistolari

“Nella prima metà dell’Ottocento le canzoni popolari napoletane vengono aggiustate con accompagnamento di pianoforte per essere suonate nei salotti borghesi – spiega il professore Scialò – . In questo passaggio un ruolo centrale lo gioca una famiglia franco-napoletana, i Cottrau. Dai loro archivi e da documenti, lettere e spartiti cercheremo di restituire l’atmosfera e le suggestioni di quell’epoca”. La lezione – spettacolo coniuga la ricostruzione di un periodo significativo  della Napoli europea fatta attraverso gli storici Marco Rovinello e Francesca Seller,  con la seduzione del suono e della musica di una città cantante e gli interventi musicali di Romeo Barbaro, Nunzia De Falco, Franco Pareti e Antonio Siano.

Tutte le informazioni sul sito

www.lezionidistoriafestival.it

Related posts

Venerdì 24 gennaio giornata in ricordo di Gerardo Marotta e della Repubblica Napoletana del 1799

Redazione

Napoli, musica interrotta: al museo Pignatelli, fino al 3 maggio

Redazione

Giovedì 16 gennaio presentazione del libro T.S.O. alla Mondadori

Redazione

Lascia un commento