17 Luglio 2019

SULPEZZO.it
post

“Favole e Leggende della Campania”, finalmente un libro e una app dedicati

Favole, leggende, riti e miti sono storie intramontabili, millenarie e comuni a tutti i paesi del mondo, Vladimir Propp ce lo insegna. Racconti però non sempre fertili di immaginazione e creatività. La Campania eppure lo è, terra di emozioni, colori e suoni unici, che nei secoli hanno accompagnato l’invenzione di narrazioni che sono diventate favole universali. Da qui nasce l’idea di recupero e valorizzazione del nostro patrimonio favolistico condotto dalla giornalista Angela Matassa, firma storica del Mattino di Napoli e creatrice del sito specializzato in teatro, cultura e spettacolo NT Enneti Notizie Teatrali. Martedì 13 giugno infatti si terrà la presentazione del libro Favole e Leggende della Campania, scritto da Matassa, al Nuovo Teatro Sancarluccio a via San Pasquale a Chiaia, con la partecipazione dello storico Guido D’Agostino, della giornalista-scrittrice Maresa Galli, dell’editore Aldo Putignano (Casa editrice “Homo Scrivens”).

Questo volume, da cui saranno estratte nel corso dell’incontro prossimo alcune letture di Andrea Carotenuto, raccoglie una buona parte di quella narrativa, suddividendola per caratteristiche, suscitando la curiosità e l’interesse per vicende e personaggi fantastici che accompagnano il percorso di ciascuno di noi. Sono storie che affondano la loro origine nei millenni e che sono nate non solo per i bambini. Il libro spiega le origini, le motivazioni, la potenza della tradizione orale che le ha portate fino ai nostri giorni. Nate dagli antichi miti e rituali magici e religiosi, tramandate di padre in figlio, le fiabe e le leggende napoletane sono passate alla tradizione scritta grazie alla politica culturale angioina che, aprendosi a intellettuali e scrittori, arricchì il ‘popolare’ nei contenuti e nella lingua. Ma questo libro, dal contenuto “tradizionale” è anche modernissimo perché è accompagnato da una delle più attuali tecnologie: una app che consente di conoscere, visitare e apprezzare parte del Centro Storico della città di Napoli, attraverso la descrizione dei luoghi in audio e in testo, con curiosità e leggende che stupiscono. Qui, dove la magica Sirena Partenope ha attratto visitatori e appassionati, ammaliandoli con la fantasia, le voci, i canti, le musiche eterne, si può trovare l’origine di favole e percorsi mitici. Intramontabili, sempre attuali, ieri, oggi e anche domani.

Related posts

Dekalog: è uscito il loro disco “Een”

Giuseppe Cirillo

Maltempo in Campania, arrivano piogge e temporali

redazione

L’arte rivoluziona il modo di intendere il management in ambienti no profit

Tania Sabatino

Rispondi