25 Giugno 2022

SULPEZZO.it
musica

“EVO” E’ IL TITOLO DELL’ULTIMO ALBUM DEGLI AUDIOSPETTRO

Si intitola semplicemente EVO il nuovissimo album degli Audiospettro, band tutta italiana che inizia la propria attività sulle scene musicali, aprendo i concerti delle custodie cautelari con Stef Burns, Maurizio Solieri (chitarristi di Vasco Rossi), Giuseppe Scarpato (chitarrista di Edoardo Bennato), Gogo Ghidelli (Mina), Ricky Portera (Stadio e Lucio Dalla). 

Ma non solo live per gli Audispettro che hanno da sempre voglia di scrivere, comporre, di proporre nuova musica e nuove idee. 

Negli anni successivi partecipano a ben due album di notevole rilevanza: “Notte delle chitarre” e  il 50° anniversario dei “Dik DIk”, lavorando  con grandi nomi della musica italiana, tra cui artisti del calibro di Elio e le storie tese, Edoardo Bennato, Enrico Ruggeri, Eugenio Finardi, Clara Moroni, Cesareo, Marco Ferradini, Alberto Radius, Federico Poggipollini e altri. Inoltre, entrano a far parte dello spettacolo “Il nostro caro Angelo” con MOGOL e, nel 2015 ,presentano il loro album in occasione dell’ Expo  a EATALY MILANO SMERALDO.

“Evo”, titolo che fa riferimento alla parola EVOLUZIONE, esce su etichetta Latlantide e rappresenta il riassunto di sette anni di lavoro, dove sono racchiusi sperimentazioni con i testi e con i suoni. Si tratta di un percorso che riprende molti degli aspetti che hanno caratterizzato gli ultimi Audiospettro, con nuove sonorità, le quali vertono verso una maggiore attenzione per la parte elettronica, presente anche precedentemente ma qui più preponderante.

 Il disco presenta ben 16 tracce, ognuna delle quali ha una storia propria, e che, assieme alle altre, va a comporre come una serie di fotogrammi, l’immagine di una band che negli anni, ha raccolto esperienze e un bagaglio musicale davvero importante nel panorama italiano. L’album si apre con la title track, un brano, come lo sono anche VIBRA e  MUSIKAVECCHIA, puramente strumentale e che fa da introduzione all’intero disco e ai racconti che si svolgono al suo interno.

Si prosegue poi con RESPIRANDOCI, un pezzo di stampo prettamente rock e con distorsioni di chitarre che ben si piazzano tra voli dirompenti pronti a sorvolare su ardite sperimentazioni. Il testo parla del viaggio che tutta la band ha intrapreso nel 2015 per il master del singolo BRILLA agli Abbey Road Studios di Londra. Un modo per ricordare il passato e, al contempo, di ripartire verso nuovi orizzonti e nuove avventure. Arriva poi un pezzo dal netto impianto elettronico, intitolato NADYR e con un’ atmosfera completamente diversa rispetto alla traccia precedente, ma questi ovviamente sono gli Audiospettro e lo stupore, fa parte del gioco! 

Dopo un altro salto nell’elettronica con CHIARAMENTE, il brano OCCHI ci fa entrare in mondo più pop, dove anche le tematiche, perseguite anche in TUTTO BENE, rispondono a tematiche attuali, come la situazione fra i giovani, creatasi durante il lockdown. Sensazioni che ancora ci portiamo dentro e di cui, la fragilità adolescenziale, ne ha subito conseguenze non di poco conto dal punto di vista sociale. Con la serietà necessaria ad argomenti delicati come questo, gli Audiospettro mettono in rilievo aspetti spesso purtroppo trascurati o non considerati come dovrebbero, come la capacità di ascoltare i giovani e di dare loro il dovuto spazio per potersi esprimere. Come la musica stessa disincantata di TUTTO BENE, anche l’animo di questi ragazzi dovrebbe essere leggero e spensierato e non affranto dai problemi degli adulti; spesso non è facile porsi dall’altra parte e tentare un dialogo aperto, tuttavia basta prendersi il tempo necessario prima che il problema diventi tale e aiutando questi adolescenti nel loro cammino verso l’età adulta.

Con un cambio netto di rotta e prima dell’irriverente SUPER MARIO SLOT feat. Max Lo Buono, ecco invece la ballad di immediata presa, uno di quei brani capace di colpire al primo ascolto facendo commuovere soltanto per l’atmosfera che la melodia riesce a ricreare: immagini sbiadite che si confondo con il nostro stato d’animo, scavando dentro tacite emozioni che si scaraventano nello stomaco. Si tratta di UNA PARTE, pezzo che presenta il featuring di  Giuseppe Scarpato, (chitarrista e produttore di Edoardo Bennato),  con il quale la band era presente in studio, nel momento della registrazione delle sue chitarre.

A chiudere il disco l’incontenibile SHOWBIZ, che punta verso il rap in una chiave del tutto originale rispetto alla nuova ondata del genere italiano, a prova che la classe non è acqua e che una band versatile come gli Audiospettro possono permettersi salti musicali davvero inimitabili!

Sonia Bellin

Related posts

Junior V, al via “Sconosciuti che conosciamo in tour” (#topcitiestour)

Davide Guerri

Away From Here – E’ uscito “Daydream”

Cirillo

Fuori Venerdì 1 Ottobre, il nuovo singolo della cantautrice Giorgia Gusmini: “Meglio per me”

press1901studio

Lascia un commento