21 Maggio 2019

SULPEZZO.it
post

I ciechi in scena a Sala Ichòs

da Maeterlinck – regia Massimo Finelli

27 – 28 – 29 gennaio a Napoli

Dal 27 al 29 gennaio a Sala Ichòs (via Principe di Sannicandro – San Giovanni a Teduccio, Na) andrà in scena lo spettacolo I Ciechi, dal testo di Maeterlinck, diretto da Massimo Finelli, con Antonio Coppola, Giorgia Dell’Aversano, Giovanni Esposito, Michelangelo Esposito, Fabio Faliero, Valeria Impagliazzo, Lisa Imperatore, Vincenzo Liguori, Valentina Iniziato, Luigi Ventura.
Un gruppo di ciechi, smarrito in una selva, aspetta il ritorno della guida, un vecchio prete morto a loro insaputa. Il tempo dello spettacolo si consuma nell’attesa, mentre l’imprevedibile è alle porte. Qualcuno prega: «Dio Mercato che sei altrove, dacci oggi la nostra de-realizzazione quotidiana, de-evolvici, de-civilizzaci. Dacci numeri, algoritmi, ferocia matematica e accumulazione di niente in forma di denaro, trasforma le forme fisiche in dissolvenza d’immagini, nascondi la verità ai nostri occhi e facci sparire nel buco nero dell’accumulazione finanziaria».

“I Ciechi raccontano di noi. Il testo è del 1890, letto da sempre come metafora della morte di un dio invocato e assente. Oggi la questione è un’altra: dichiariamo tutti la necessità di una guida, ma ne facciamo tranquillamente a meno. La credenza non dichiarata è quella nell’infallibilità di un sistema finanziario che ha gli stessi attributi di Dio: onnisciente, onnipotente, invisibile. I “doni” offerti dal mercato dei beni consumabili e infinitamente ri-creati (che cos’è la possibilità di rimpiazzare un cellulare con un altro se non l’equivalente di una resurrezione) sono la manifestazione della sua bontà. La pubblicità non dice altro che: Dio/Mercato è Amore. Le nostre esistenze virtuali (si comincia a pensare a chi erediterà il nostro profilo post-mortem) sono una beatificazione in vita.

Il supporto materiale è semplicemente infelice; più o meno tutti facciamo quotidiani test di resistenza; fino a quando reggerà il sorriso al pungolo della rabbia e della depressione? Gli stati nazionali testano le frontiere, anche loro.
All’interno la situazione si approssima a quella di un condominio (ben gestito) con i vicini che iniziano ad averne abbastanza l’uno dell’altro: odii invisibili.

Che accade in scena? E che può mai succedere? La conversazione evita il silenzio, ma è chiaro che non se ne può più.
Maeterlinck chiudeva la pièce con un’invocazione: “Abbiate pietà di noi!”; i nostri sussurrano: “Non abbiate pietà di noi…”.
La speranza è l’ultimo inganno. (Massimo Finelli)

Sala Ichòs
Via Principe di Sannicandro 32/A – San Giovanni a Teduccio (NA)
Fermata metro linea 2: San Giovanni a Teduccio – Barra
Lo spazio è dotato di ampio e gratuito parcheggio
Info e prenotazioni: 335 765 2524 – 335 7675 152 – 081275945 (dal lunedì al sabato dalle 16 alle 20 – domenica dalle 10 alle 17)
Orari spettacoli: venerdì e sabato ore 21; domenica ore 19

I Ciechi

drammaturgia Maurice Maeterlinck
regia Massimo Finelli
interpreti Antonio Coppola, Giorgia Dell’Aversano, Giovanni Esposito, Michelangelo Esposito, Fabio Faliero, Claudio Fidia, Valeria Impagliazzo, Lisa Imperatore, Vincenzo Liguori, Valentina Iniziato, Luigi Ventura

musiche originali Duilio Meucci

voce fuori campo e aiuto regia Patrizia Eger

disegno luci Cinzia annunziata, Fabio Faliero

grafica e video EXSTUDIO

promo video: https://youtu.be/VxtrYcx10As

Related posts

Fondo Complementare Giornalisti, si vota dal 25 al 28 novembre 2015

redazione

Giornalismo, la guida FSNI

redazione

Away From Here: il loro debutto con “People Always Leave”

Giuseppe Cirillo

Rispondi