17 Ottobre 2019

SULPEZZO.it
cronaca

C’è un po’ di Napoli nella vittoria di Milano – Cortina 2026: si tratta di Nexting, start-up da mezzo milione di euro


La compagnia è specializzata in soluzioni broadcast e di comunicazione integrata. Cuore a Fuorigrotta, testa nel mondo, è stata tra i partner di Coni nella cavalcata per l’assegnazione delle Olimpiadi Invernali del 2026.
C’è un po’ di Napoli nella vittoria di Milano – Cortina 2026. Si tratta di Nexting, start-up innovativa operante nel broadcast e nella comunicazione, che nasce nell’ottobre del 2017 a Fuorigrotta e che nel suo primo anno di attività ha registrato un fatturato da mezzo milione di euro.

“Abbiamo seguito il CONI – spiega Enrico Parolisi, responsabile delle comunicazioni di Nexting – nelle tappe di avvicinamento a Losanna mettendo a disposizione del Comitato Olimpico a più riprese il nostro know-how: sopralluoghi, assistenza tecnica, shooting, editing”.

Ed è di Nexting il primo video ufficiale della candidatura italiana per le Olimpiadi Invernali 2026, presentato a Tokyo in concomitanza con la XXIII assemblea ANOC (l’associazione che riunisce tutti i Comitati Olimpici Nazionali).

“Ci fanno sorridere – spiega Antonio Palmieri, CEO e cofounder di Nexting – le tante considerazioni che abbiamo letto in queste ore sui social che ribadivano un dualismo tra meridione e settentrione che esiste solo nella nostra forma mentis. Quando siamo andati con il Coni a Buenos Aires o in Giappone a promuovere la candidatura di Milano Cortina abbiamo indossato tutti la stessa maglia: questa è la vittoria dell’Italia che quando unita fa sistema non teme confronti con nessuno”.

Nexting è una realtà aziendale in rapida ascesa. Con tre sedi sul territorio nazionale (Napoli, Roma e Milano) e due presidi a Londra e Madrid, la start-up napoletana annovera tra clienti e partner player di assoluta rilevanza come Sky, Mediaset, ESPN, Rai, Ansa, Dazn. Specializzata nel broadcast, e in particolare nelle soluzioni di remote production e broadcast streaming, Nexting è attiva anche nel campo della comunicazione, del digital, del web development, dello sviluppo software, della realtà aumentata e dei sistemi di distribuzione; si occupa anche di formazione, come in occasione del recente seminario organizzato con l’Ordine dei Giornalisti della Campania. Il tutto mettendo al centro un approccio legato al problem-solving, costruendo quindi strategie integrate su misura per le esigenze del cliente.

Related posts

DISABILI, PRIMO TRUST PER “IL DOPO DI NOI”

Redazione

Chi è lo Youth Worker? L’Agenzia Giovani ne chiama a raccolta 100 da tutta Europa

Redazione

Napoli, tavolo audit contro il debito

Redazione

Rispondi