1 Agosto 2021

SULPEZZO.it
comunicati stampa

ANM: Piano concordatario

Oggi al Comune di Napoli sono stati illustrati i pilastri del piano concordatario alle parti sociali.
Apre la presentazione l’avvocato Francesco Marotta della ERNST & YOUNG, consulente responsabile di produrre il piano, il quale ha espresso positività ed ottimismo rispetto al lavoro svolto e all’obiettivo di mettere in equilibrio l’azienda.
Nel merito delle misure organizzative l’Amministratore dell’ANM Nicola Pascale ha illustrato le principali azioni da mettere in campo:
1. Riorganizzazione organigramma e cambio del Managment.
2. Riorganizzazione  del personale.
3. Abbattimento dei superminimi dei Funzionari.
4. Armonizzazione normativa ed economica dei settori aziendali.
5. Ottimizzazione ricavi da lotta all’evasione e controllo della sosta, anche attraverso la digitalizzazione dei processi interni.
6. Estensione della rete fioloviaria ai Colli Aminei.
“Le parole d’ordine dell’Amministrazione Comunale sono state “no ai licenziamenti e mantenimento in house del servizio ferro/gomma”.
Riteniamo – afferma Adolfo Vallini dell’USB – che il salvataggio dell’Azienda rappresenti anche il salvataggio delle persone che vi lavorano all’interno.
Si preannuncia un percorso per nulla facile, in cui dovranno essere messi al centro i diritti dei lavoratori ed i bisogni di mobilità dei cittadini.
Chi ha portato l’ANM in questa condizione, deve pagare, basta con il solito libro delle favole.
Noi non faremo sconti!”
Il piano, per legge, non può essere reso pubblico. Sulle linee guida verranno convocate volta per volta le parti sociali per essere informate.
I tempi di risposta del tribunale non saranno brevissimi, si prospettano mesi di attesa, solo a seguito di parere positivo saranno coinvolti i creditori.

Related posts

OPRIO – “CHAOS” È IL SINGOLO CHE SEGNA IL RITORNO DEL RAPPER NAPOLETANO

Cirillo

LA FORMULA DEL SUCCESSO, UN’ECCELLENZA NAPOLETANA

Redazione

Applausi per Sonita, da Napoli un messaggio di pace e uguaglianza nel ricordare la Carta dei Diritti Umani

Redazione

Lascia un commento