Posted On 27 dicembre 2017 By In campania With 49 Views

Anche in Campania l’inverno è arrivato prima (soprattutto sulle strade)

Gelo e pioggia, con colonnine di mercurio scese ben al di sotto delle medie storiche e vicine addirittura allo zero: la condizione meteo in Campania è stata piuttosto critica, nelle ultime settimane, con una partenza anticipata dell’inverno che ha sorpreso anche gli stessi esperti di “tempo”. Ecco perché è bene sottolineare che anche nella nostra regione sono scattati dalla metà di novembre gli obblighi per la circolazione con autovetture in caso di fenomeni atmosferici come neve o ghiaccio.

Le norme per le strade campane

Per la precisione, è l’Anas a ricordare come dal 15 novembre 2017 e fino al 15 aprile 2018 sono tornate in vigore le raccomandazioni (o, per meglio dire, le prescrizioni) previste dal Codice della Strada anche per una regione come la Campania, il cui territorio interno è esposto al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio e alle difficoltà che comportano per gli automobilisti. Guardando l’elenco dei tratti stradali su cui si concentrano le ordinanze, ci sono le zone del Salernitano (ad esempio, la strada statale 19 “delle Calabrie”), e soprattutto quelle dell’Avellinese e del Beneventano.

Proteggersi dal freddo

In termini pratici, le norme si traducono in una regola pratica per gli automobilisti: ovvero, tenere a bordo dei mezzi antisdrucciolevoli (come le tradizionali catene da neve) da sistemare sulle ruote al momento del bisogno o, per maggior sicurezza, procedere al cambio gomme montando direttamente gli pneumatici invernali, che sono progettati proprio per dare il meglio nelle condizioni tipiche della stagione fredda, garantendo migliore trazione anche su fondi innevati, un miglior sistema di espulsione dell’acqua e, in generale, più stabilità alla guida.

Mettersi a regola

Nonostante le campagne di informazione e di sensibilizzazione sul tema, apparentemente i campani sembrano ancora poco “propensi” a mettersi a norma, forse anche perché il cambio stagionale degli pneumatici viene visto come un costo “superfluo”. In realtà, studi di settore dimostrano che l’acquisto di un secondo treno di gomme è una scelta strategica, perché consente di prolungare la vita di entrambi i set utilizzati durante l’anno, oltre che di alzare l’asticella della sicurezza.

Come scegliere il miglior pneumatico invernale

Altro elemento critico può essere quello della ricerca della gomma giusta da acquistare e montare, anche perché lo scenario attuale dell’aftermarket automobilistico è in continua espansione anche grazie al Web, dove operano piattaforme specializzate come EuroimportPneumatici.com, uno dei riferimenti nazionali del settore. L’ampiezza della scelta può infatti rendere complicata la ricerca del miglior pneumatico invernale, anche perché ci sono vari fattori da valutare, prezzo in primis; ma in nostro supporto arrivano anche le ricerche delle riviste specializzate nei motori, come l’ormai tradizionale test del TCS.

L’analisi del Tcs

Il Touring Club della Svizzera, che possiamo considerare l’equivalente elvetico della nostra ACI, compie da anni un’analisi comparativa dei modelli di gomme invernali più diffusi del mercato, sottoponendo questi prodotti a una serie di approfonditi test in varie prove “realistiche” di guida, sia su neve che con fondi bagnati o semplicemente sull’asciutto. In questa ultima edizione, i tecnici hanno selezionato 32 modelli di pneumatici, equamente divisi tra le dimensioni 195/65 R15 e 215/65 R16, arrivando a incoronare il vincitore per ognuna delle due categorie.

Le migliori gomme invernali del 2017

E così, nella dimensione più piccola, il formato più comune sulle strade europee, a ottenere il giudizio migliore è stata la gomma Continental WinterContactcTS 860, che si è rivelata molto performante sull’asfalto bagnato, ma anche ottima per risposta su neve e ghiaccio. Nella misura più grande, invece, si è distinto lo pneumatico Dunlop Winter Sport 5, che ha ottenuto il miglior voto in assoluto per risposta alle prove su asfalto bagnato e valutazioni buone su strada asciutta e innevata.

Rispondi