27 Giugno 2019

SULPEZZO.it
appuntamenti comunicati stampa eventi e società musica post territori

A Brescia il 2 giugno il concerto da record “Time for us”

600 musicisti di strumenti classici e moderni

150 cantanti

50 attori

12 direttori di sezione

1 direttore d’orchestra

Per il trentesimo compleanno della sua Accademia di musica, l’Associazione Musical-Mente ha preparato un evento unico e speciale, realizzato insieme a tutti gli attuali alunni, a tutti i docenti, ai volontari che si occupano della scuola e a tutti i soci “Penso che abbiamo camminato così tanto e così in tanti che, da dove siamo partiti, ora siamo sempre più lontani. Non avrei mai pensato di fare tanta strada” racconta Paola Ceretta, direttore artistico di Musical – Mente “e, nel festeggiare il nostro anniversario desidero ringraziare quanti hanno creduto in me e tutti i miei compagni di strada, che mi hanno aiutato condividendo la mia passione”.

Si tratta dell’esecuzione di un brano inedito suonato dalla più numerosa orchestra didattica e inclusiva di Accademia Musicale nel mondo.

L’ensemble eseguirà un’opera inedita del compositore Carlo Francesco Defranceschi, amico del M° Giancarlo Facchinetti, che aveva precedentemente celebrato il 25.mo anniversario di Musical-Mente.

Carlo Francesco Defranceschi ha studiato presso il Conservatorio di Torino ed insegnato presso quello di Mantova. Docente di Armonia e Composizione, tiene attualmente Master presso Conservatori ed importanti Istituti Musicali. La sua opera compendia più di 200 partiture da Camera ed Orchestrali, distribuite nel mondo attraverso diversi Editori internazionali ed interpretate da prestigiosi solisti ed ensemble. Partecipa alla stesura dell’Edizione Critica dell’Opera di Antonio Salieri ed ha da poco completato la sua prima Opera Lirica.

“La composizione, di organico imponente e desueto, mi è stata commissionata con l’intento di vedere condivise in partitura capacità tecniche diversificate, dal professionista orchestrale o docente, sino al giovane allievo con limitata esperienza esecutiva, richiedendo altresì la convivenza di stili diversi, dal Classico e Contemporaneo al Pop ed al Jazz”. Carlo Francesco Defranceschi.

La composizione, inframezzata da una parte recitativa, i testi sono di Paola Ceretta, è stata appositamente realizzata per la più grande orchestra di docenti e studenti di Accademia Musicale, dunque disegnata per trovare condivisi livelli differenti di professionalità tecnica e vederli, al contempo, tutti valorizzati nell’interpretazione d’insieme. Una particola attenzione, nella stesura dell’opera, è stata data alle sonorità timbriche degli strumenti, non tutti abitualmente considerati strumenti orchestrali, e soprattutto rappresentativa dei generi musicali insegnati.

Il brano è composto per più di 600 studenti di musica, canto e teatro, dai 3 ai 70 anni e prevede l’esecuzione anche degli studenti disabili che normalmente seguono le lezioni.

La composizione non è auto-celebrativa di Musical-Mente, ma è dedicata al “tempo” in tutte le sue accezioni: tempo che scorre, tempo della memoria, tempo di condividere con la musica e, proprio per questo, sentiremo da lontano i rintocchi dei “Macc de le Ure”, l’orologio più famoso di Brescia, seguiti dalla rivisitazione orchestrale della filastrocca popolare “Din Don Campanon”.

L’opera vuole essere un omaggio al M° Facchinetti (che dedicò una sua composizione proprio ai Macc de le Ure) e alla città di Brescia.

Partendo dunque dalle nostre radici culturali il brano si evolve includendo nella propria esibizione anche i rumori della piazza che suona, che ascolta, che vive un momento unico: sarà l’immagine musicale della città italiana più musicale in assoluto.

Dal punto di vista testuale, la composizione prende origine da una celebre filastrocca bresciana per bambini eseguita in dialetto, utilizza la lingua italiana per raccontare il presente e si conclude in lingua inglese, la lingua che i nostri giovani utilizzeranno sempre più nello loro futuro.

Considerata l’eccezionalità della proposta, l’associazione Musical-Mente ha deciso di lanciare la sfida e ha iscritto l’evento al Guinness World Records.

L’evento vedrà dunque la presenza di uno dei giudici del Guinness World Records.

La partecipazione è libera e gratuita.

Con il patrocinio dei Comuni di: Montirone, Trenzano, Iseo, Paderno Franciacorta, Monticelli Brusati, Gussago

Il progetto è stato realizzato con Fondazione Cariplo impegnata nel sostegno e nella promozione di progetti di utilità sociale legati al settore dell’arte e cultura, dell’ambiente, dei servizi alla persona e della ricerca scientifica. Ogni anno vengono realizzati più di 1000 progetti per un valore di circa 150 milioni di euro a stagione. Fondazione Cariplo ha lanciato 4 programmi intersettoriali che portano in sé i valori fondamentali della filantropia di Cariplo: innovazione, attenzione alle categorie sociali fragili, opportunità per i giovani, welfare per tutti. Questi  4 programmi ad alto impatto sociale sono: Cariplo Factory, AttivAree, Lacittàintorno, Cariplo Social Innovation. Non un semplice mecenate, ma il motore di idee. Ulteriori informazioni sul sito www.fondazionecariplo.it

Un sentito ringraziamento va anche agli sponsor che hanno permesso, grazie al loro sostegno, lo svolgimento dell’evento:

Fraber di Franzoni Virgilio &C. s.n.c.

Globo Ambiente

VIRALE MOTORSPORTBIKE

ABARIBI

MUSICA EROICA ASSOLIALSOLE

ERREBI Pianoforti

LP Service

SM TRATTAMENTO ACQUA

Related posts

Party in aeroporto con Camomilla Italia

Redazione

Frattamaggiore continua a brillare: il Teatro De Rosa gremito per il concerto “Guitar&Voice – Christmas Edition” con Piero Del Prete

ANGELA ANDOLFO

“ESCAPE” – Il videoclip delle ALL BROKEN 29 in esclusiva su Micsugliando.it e la band vola in finale a SANREMO ROCK

bengdischi

Rispondi