9 Agosto 2022

SULPEZZO.it
appuntamenti eventi e società

Musiche del Sud al Lanificio 25 con il concerto degli Ars Nova, e non solo.

Continua il sodalizio tra Lanificio 25 e l’associazione Iconoclast events. Quest’ultima, in particolare, dà il via alla sua prima collaborazione con il collettivo PalomArt, per una serata, quella di mercoledì 23 dicembre, all’insegna dell’arte, della musica popolare – proveniente dal Sud Italia e dai Balcani – e della tribal fusion: ad aprire il concerto degli Ars Nova, infatti, il live di Bastet Proyect e, a seguire, la selezione di world music targata Navak. Saranno esposte, inoltre, le opere di due artisti cubani, Jormay Gonzalez Monduy e Dennys Santos Diaz, oltre a quelle dei membri del collettivo stesso: Giovanni Anastasia (Napoli), Jose Bellantuono (Brasile/Italia), Francisco Lance (Monopoli), Francesco Navach (Monopoli) e Toa (Torre del Greco). Nel corso dell’evento sarà presentato, tra l’altro, l’Artist calling della mostra “PalomArt The Change” che si terrà a Napoli nel dicembre 2016, e che radunerà più di 40 artisti da ogni parte del mondo.

 

ARS NOVA LIVE
Presentano Lanificio25 & PalomArt – Iconoclast events
Mercoledì 23 DICEMBRE 2015 – Opening h 21.00
Ingresso 5 € con tessera gratuita

 

 

 

BIO

Ars Nova

Gruppo di sei giovani musicisti napoletani, uniti dalla stessa passione per la musica tradizionale del Sud Italia: Carlo Guarino, voce e chitarra – Bruno Belardi, contrabbasso – Marcello Squillante, fisarmonica e voce – Antonino Anastasia, percussioni – Michelangelo Nusco, violino – Vincenzo Racioppi, charango.
Da alcuni anni portano in giro per strade e festival il loro spettacolo in continua evoluzione.
L’ obiettivo è partire dalle tradizioni popolari a noi vicine per raggiungere con la musica il resto del mondo. Il gruppo è composto da violino, fisarmonica, contrabbasso, charango boliviano, tamburi a cornice, chitarra e voci. Il reperterio costituito inizialmente da tarantelle, pizziche, tammuriate e serenate si è ampliato sempre di piu’ con l’aggiunta di danze popolari dell’Est Europa. Lo spettacolo, vincitore dell’ultimo Ferrara Buskers Festival, ha aperto l’ultima edizione della Notte della Tammorra, celebre manifestazione curata da Carlo Faiello.
Nel luglio 2012, nell’ambito della rassegna Estate a Napoli, lo spettacolo ha incontrato al Maschio Angioino il progetto Tela di Parthenope, compagnia di teatro danza internazionale, per ritrovare i rapporti esistenti tra favole, storie e musiche del mondo.

http://www.arsnovanapoli.it/

 

Bastet Proyect

Bastet, nome ispirato alla Dea Gatto dell’antico Egitto, creandone un progetto in stile tribale moderno. Formazione composta da Navak (produttore musicale/percussionista) e Miss Rain (ballerina). Il duo propone una miscela tra musica elettronica influenzata da sonorità mediterranee e tribali integrata alla tribal fusion (l’evoluzione della più conosciuta danza del ventre).
Lo spettacolo comprende l’interazione tra strumenti elettronici analogici quali campionatori e sinth ma anche percussioni dal vivo e sciabola.

Navak

Produttore musicale e performer, percussionista di danza africana e musicoterapeuta. Dal 2007 è cofondatore di MidiHands, gira in Italia ed in europa ai controlli dei Midi Table Audio/Visual di loro costruzione. Dal 2011 è produttore musicale del gruppo Bianko Matto e da 2 anni del Bastet Proyect (tribal fusion belly dance)

 

 

 

 

 

 

Lanificio 25 – Carlo Rendano Association
Piazza Enrico de Nicola, 46 (NA)
Infoline: 081 6582915
Email: info@lanificio25.it
http://www.lanificio25.it/

Related posts

Giornalismo ed ecologia, torna il premio Landolfo. Lunedì la cerimonia all’Istituto di Cultura Meridionale

redazione

L’Archivio Storico di Napoli e la sua collezione di cocktail à porter

Renato Aiello

Salvatore Cantalupo all’AvaNposto Numero Zero, venerdì 21 e sabato 22 aprile 2017

Simona Pasquale

Lascia un commento