13 Luglio 2020

SULPEZZO.it
eventi e società

Museo del Sottosuolo: una serata tra strumenti antichi e voce nuda con Frida Neri

Napoli – Sabato 28 giugno alle ore 21.00 Frida  Neri, con la forza della sua voce, si esibirà nelle magiche atmosfere del Museo del Sottosuolo di Napoli (piazza Cavour, 140, lato Rione Stella), con lo spettacolo “Alma”.

Alma è un racconto, un viaggio fatto di mare e saudade, di mistero – quello del cuore – e delle inquietudini dell’anima.

Un viaggio quindi, dentro e fuori noi stessi, che avanza attraverso i suoni, le immagini, i versi.

A raccontare le storie di questo viaggio la voce di Frida Neri, con i versi di Loris Ferri, la chitarra di Antonio Nasone e le immagini di Mauro Santini.

Un rito, una condivisione profonda…

Ad accompagnare questo viaggio, una musica vibrante, nata da una radice antica dove si incontrano le suggestioni del fado e della  world music, dal punto di vista del suono e anche della poetica.

“Amo gli strumenti antichi – sottolinea – amo il suono dei legni, acustico. Amo la voce nuda”.

Canzoni  che, come sottolinea l’autrice, danno voce alle storie  che incarnano e sono fatte di immagini. Attraverso tali canzoni si suggella un patto di sorellanza: esse si abbracciano a canzoni di diverse tradizioni del bacino del Mediterraneo ma anche oltre.

“Il filo rosso che le unisce – ribadisce Frida –  è la sentita e viscerale espressione ed interpretazione!”

La  musica di Frida Neri ricorda un quadro di Claude Monet, un paesaggio multicolore che si frammenta in migliaia di sprazzi di luce. Un paesaggio dell’anima dove predomina  la musicalità dell’acqua, ora placida ora ribollente, “che esprime il senso della relatività del nostro essere, non soltanto perché i riflessi  variano continuamente, ma ancor più, perché essa, pur presente e tangibile fisicamente, pur apparentemente sempre uguale, non é mai la stessa”.

In Frida Neri, come sottolinea lei stessa, la voce diviene veicolo e potente manifestazione del mondo interiore, dell’anima: come una mappa che dice tutto di noi…Prima ancora di raccontarci le storie specifiche, i  singoli frammenti di vita, delle canzoni in cui la versiamo.

I versi in musica di Frida Neri richiamano le suggestioni de “Il codice dell’anima”, di James Hillman,

Scrive Hillman “Una conversazione fa cambiare direzione alle cose. E per ogni conversazione esiste un ‘verso’, un rovescio, un lato opposto. Io credo che sia proprio questo verso, questo esporre la visione opposta, il compito del nostro parlare….”

Una possibile visione alternativa, una bellezza nascosta, da svelare, da portare alla luce, lottando contro la paura, contro le proprie convinzioni autolimitanti.

“Perché il lavoro sulla voce – evidenzia la cantante –  assomiglia al lavoro su se stessi che Hillman individua con la metafora della perla, l’approccio alchemico alle proprie tare, ai propri limiti, da cui poi nascono le luci e i talenti più belli”.

Per immergersi nelle atmosfere della serata: ridotta https://www.youtube.com/watch?v=DCgtZSA-y-s

La quota di partecipazione all’evento, comprensiva di visita libera al Museo del Sottosuolo e calice di vino offerto  dal partner, il Wine Bar Scagliola, è di 12 euro.

Per prenotare basta inviare un’e-mail su booking@ilmuseodelsottosuolo.com (indicando almeno un nome e cognome di riferimento, un recapito telefonico valido, un indirizzo e-mail valido se diverso  da quello di invio ed il numero totale di partecipanti alla serata)

 

 

Piazza Cavour, 140 – 80137 | Napoli

Per maggiori informazioni sulle attività del Museo del Sottosuolo

www.ilmuseodelsottosuolo.com, info@ilmuseodelsottosuolo.com

 

Addetto stampa: Dr.ssa Tania Sabatino

mobile: 320 574 18 42, ufficiostampalmdt@gmail.com

 

 

Related posts

“Un aperitivo con il vulcanologo” alla Pietrasanta

Redazione

MIRAEL presenta il suo disco SENTIRE L’AMORE in concerto a Milano

Annita Corsato

Alla Basilica di San Domenico Maggiore grande successo per la “LEITOURGHIA D’ INVERNO” di Vinicio Capossela.

ANGELA ANDOLFO

Lascia un commento