21 Febbraio 2019

SULPEZZO.it
cultura

Leonardo De Lorenzo ed il Pictures Quintet a Palazzo Venezia

Venerdì 21 marzo alle ore 21.30 Leonardo De Lorenzo con il suo quintetto, il Pictures Quintet, darà vita ad un concerto nelle atmosfere cinquecentesche di Palazzo Venezia, simbolo del gemellaggio atavico tra la Città delle Sirene e la Serenessima.

Un gemellaggio ante litteram che apre le porte a quei commerci ed a quelle relazioni di respiro internazionale che avrebbero caratterizzato i secoli successivi.

Con lui il “Pictures Quintet”.

Per esprimere le alchimie sonore proprie del progetto artistico di De Lorenzo, lo storico Ivano Leva al pianoforte, amico da tanti anni e collaboratore insostituibile.

Poi c’è Luciano Bellico, alto sassofonista di grande tecnica e cultura, dal fraseggio elegante.

Ed ancora Federico Luongo, un collega ed amico sempre disponibile e puntuale che suona “spaventosamente bene”.

Infine Sasà Brancaccio, che dona al gruppo un apporto fondamentale, con il suo sound e con la capacità di amalgamare insieme i vari elementi.

Sinceramente trovo confortante ascoltare musica così in un momento storico in cui pare che il riferimento principale , nel jazz, sia un tecnicismo esasperato, un tentativo quasi di rendere la musica un fatto poco umano.

Nella musica di Leonardo, a mio avviso si cerca più dentro (di sè) che fuori, si ascolta più che far ascoltare, si usa un linguaggio che è la somma di anni di storia ma che al tempo stesso non vuole rinunciare ad una qualità melodica così ‘nostra’, in senso Europeo”.

Emanuele Cisi, jazzista di calibro interazionale

 

LA LOCATION

Il napoletano “palazzo di Venezia” è di almeno mezzo secolo più antico di quello romano.

Infatti, Palazzo Venezia di Roma fu costruito nel 1455. Attraverso di esso si possono ricostruire le vicende che, sin dal XII secolo, caratterizzarono la posizione politica e commerciale della Serenissima nell’Italia meridionale. A ulteriore conferma dell’ importanza del sito, sta poi l’interesse per la sua storia che non era sfuggita a studiosi del calibro di Croce e di Fausto e Nicola Nicolini, i quali vi hanno dedicato più di uno scritto apparso sulla prestigiosa rivista di storia dell’architettura Napoli Nobilissima. ( AA.VV. Il centro antico di Napoli, 3 voll. Napoli, 1971 vol.II, cit.p. 215).

Ed ora qualche assaggio di gustose alchimie in musica:

http://youtu.be/vzTRklbixL4

http://youtu.be/rndcEMaAZIo

http://youtu.be/ksmslQZQhsM

La serata prevede un contributo di partecipazione pari a 10 euro comprendente una visita guidata alle bellezze di Palazzo Venezia, un soft drink come aperitivo ed il concerto.

Per maggiori informazioni e prenotazioni:

Palazzo Venezia, via Benedetto Croce, 19

081-5528739

e-mail: palazzovenezianapoli@gmail.com

website: www.palazzovenezianapoli.it

 

Ufficio Stampa:

Dr.ssa Tania Sabatino

Mobile: 3205741842

E-mail: ufficiostampapictures@gmail.com

 

 

Related posts

Oxidium, le icone di Kuturi in mostra al Pan

redazione

Jazz internazionale al Museo del Sottosuolo di Napoli

Tania Sabatino

Antonio Conte e la sua ArtePop-ola-re da Fonoteca

Erica Prisco

Rispondi